Marò: Italia, faremo valere le nostre ragioni

Marò: Italia, faremo valere le nostre ragioni

‘Oggi al Tribunale di Amburgo saremo determinati’

CdG marò(ADGNEWS24) L’India sulla vicenda dei Marò, ha manifestato “particolare aggressività“, ma davanti al Tribunale internazionale del mare di Amburgo  “noi siamo estremamente determinati a far valere le nostre ragioni” . Lo ha dichiarato  Francesco Azzarello, ambasciatore d’Italia all’Aja e delegato del Governo italiano, che oggi esporrà in aula la posizione italiana. L’Italia è stata “costretta dall’India ad attivare la procedura arbitrale” richiesta per misure cautelari in base all’articolo 290 della Convenzione dell’Onu sul diritto del mare (Unclos), ed ha aggiunto “si tratta di una controversia giuridica complessa e delicata”  .

L’istanza contiene due richieste (leggi QUI) . La prima è che l’India “si deve astenere dal prendere o eseguire ogni misura giudiziaria o amministrativa” contro i due Fucilieri di Marina e “dall’esercitare ogni forma di giurisdizione” a proposito dell’incidente della petroliera Enrica Lexie. Secondariamente, “l’India deve prendere ogni misura necessaria ad assicurare che le restrizioni sulla libertà, sicurezza o movimento dei Fucilieri siano immediatamente rimosse in modo da permettere al sergente Girone di viaggiare e rimanere in Italia e al sergente Latorre di rimanere in Italia” per tutta la durata del procedimento alla Corte di Arbitrato dell’Aja. L’articolo 290 della convenzione Unclos, invocato dall’Italia, è relativo alle ‘misure cautelari‘ e prevede che “se una controversia è stata debitamente sottoposta ad una corte od un tribunale“, l’Itlospuò prescrivere qualsiasi misura cautelare che giudica appropriata in base alle circostanze per prescrivere i diritti rispettivi delle parti in controversia o per impedire gravi danni all’ambiente marino, in pendenza della decisione definitiva“.

Schermata 2015-08-10 alle 10.48.42

I Marò “non sono ancora stati incriminati di alcun reato” dalla giustizia indiana. E ciò nonostante l’India dimostra di “disprezzare il giusto processo” ritenendoli già colpevoli, con “un atteggiamento che esemplifica al meglio l’impasse in cui oggi ci troviamo“. Sono le parole dell’ambasciatore Francesco Azzarello questa mattina nell’aula del Tribunale di Amburgo. Girone è “ostaggio” dell’India, mentre la salute di Latorre è “a rischio, se fosse costretto a tornarvi. E’ quanto contenuto nelle ‘Richieste di misure provvisorie‘ avanzate dall’Italia al Tribunale di Amburgo, pubblicate sul sito dello stesso Itlos. Delhi “viola i diritti fondamentali” dei marò e dell’Italia, prosegue il documento.

Schermata 2015-08-10 alle 10.51.23

India: Girone vive bene, offensivo definirlo ostaggio – “Definire Girone un ostaggio è inappropriato e offensivo“, a Delhi “gode di una vita confortevole“. E “la salute di Latorre potrebbe migliorare nei prossimi mesi” consentendogli di tornare a Delhi. Così l’India respinge le richieste “urgenti” dell’Italia di liberare i marò nelle ‘Osservazioni scritte‘ all’ Itlos pubblicate oggi. Secondo Delhi, l’Italia è “in malafede”, per “non aver mantenuto promesse solenni” in passato. Lo si legge nelle “Osservazioni scritte” dell’India (leggi QUI )  depositate al Tribunale di Amburgo e pubblicate oggi. Il testo si riferisce al permesso concesso dalla giustizia indiana ai Marò di rientrare in Italia per le elezioni del 2013. Il governo italiano annunciò poi che non sarebbero tornati in India, ma dopo le proteste indiane i due fucilieri vi tornarono nei tempi previsti dagli accordi.

Si annuncia durissima la battaglia legale tra l’Italia e l’India sul caso dei Marò che oggi approda al Tribunale internazionale sul diritto del mare di Amburgo. L’India è si dimostrata “aggressiva“, ma noi “siamo estremamente determinati a far valere le nostre ragioni”, ha detto in un’intervista all’ANSA l’ambasciatore d’Italia all’Aja, Francesco Azzarello, che guida la delegazione italiana davanti alla corte, alla vigilia della prima udienza sulle richieste di Roma di “misure cautelari urgenti” a tutela dei due Fucilieri di Marina, da oltre tre anni trattenuti dalla giustizia indiana con l’accusa di aver ucciso due pescatori indiani mentre erano in missione anti-pirateria.
L’Italia e l’India sono paesi tradizionalmente amici”, ha sottolineato l’ambasciatore. “Ma l’incidente del 15 febbraio 2012 ha purtroppo provocato una controversia giuridica complessa, difficile ed estremamente delicata”. Già “nelle osservazioni (scritte, ndr) sottoposte al tribunale giovedì scorso, la delegazione indiana ha manifestato particolare aggressività“, ha spiegato Azzarello, auspicando tuttavia che “il confronto giuridico si mantenga nei binari della correttezza e della verità”.
Prima di arrivare al ricorso alla giustizia internazionale, “l’Italia ha tentato in tutti i modi, attivando canali informali e formali, in più direzioni, di trovare una soluzione concordata con l’India. La mancata intesa ha costretto il governo ad attivare a fine giugno scorso una procedura arbitrale internazionale“, ha aggiunto l’ambasciatore ripercorrendo le ultime tappe della vicenda. “Poche settimane dopo ci siamo rivolti all’Itlos, chiedendo con procedura di urgenza, in attesa che l’arbitrato si concluda, che i diritti dell’Italia non vengano pregiudicati da esercizi giurisdizionali indiani, nonché il rientro di Salvatore Girone e la permanenza di Massimiliano Latorre in Italia“.

La posizione italiana alla base delle richieste all’Itlos, che oggi e martedì Azzarello illustrerà in aula, è che “il Governo ha sempre, sin dal momento dell’incidente, rivendicato l’esclusiva competenza giuridica italiana, trattandosi di nave battente la nostra bandiera per fatti accaduti in acque internazionali”. Per quanto riguarda i due Marò, inoltre, il governo ha sempre sostenuto che, poiché essi svolgevano funzioni ufficiali, devono godere della relativa immunità”. Dal canto suo l’India si oppone, rivendicando che “la territorialità del reato commesso” (a 20,5 miglia della costa in “acque contigue”) e contestando lo stesso ricorso dell’Italia alla procedura arbitrale internazionale. La decisione del Tribunale non arriverà prima di due-tre settimane, ma intanto ci si aspetta una dura battaglia in punta di diritto. “L’Italia ha un collegio di difesa di grandissima levatura ed esperienza”, ha sottolineato ancora Azzarello, che in aula ha ceduto la parola al capo del team legale, l’avvocato britannico di origini italiane Daniel Bethlehem, ex capo del servizio giuridico del Foreign Office. “Gli avvocati fra i quali diversi italiani – ha concluso l’ambasciatore che in queste ore ad Amburgo ha lavorato con i legali alle ultime limature della strategia – hanno fatto un lavoro preparatorio encomiabile“.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !

Open chat
1
Vuoi contattare la nostra redazione ?
Ciao, vuoi contattare la nostra redazione ?