MENU
3 Dicembre 2022 06:19
3 Dicembre 2022 06:19

Giorgia Meloni preferisce un’Alfa Romeo per l’esordio a Palazzo Chigi.Stop alle auto tedesche

Per diversi governi si è trattato di un dettaglio automatico: le auto ufficiali utilizzate dai capi di governo della Repubblica italiana erano prevalentemente Lancia o Alfa Romeo, anche perché la casa del Biscione è appartenuta allo Stato fino al 1986. Poi le cose sono cambiate, la dotazione della presidenza del Consiglio si è allargata a marche differenti, anche straniere. Ad esempio le Audi di Silvio Berlusconi o, recentemente, le Volkswagen Station Wagon di Mario Draghi. Oggi c’è stato il ritorno dell’Alfa.

Il nuovo presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha voluto un auto italiana ed ha viaggiato su un’Alfa Romeo per farsi accompagnare alla prima riunione dell’Esecutivo da lei diretto, nella mattinata di domenica 23 ottobre, in cui è avvenuto il rituale passaggio di consegne col suo predecessore. La cosiddetta “cerimonia del campanello” (lo strumento che il capo del Governo utilizza per avviare le riunioni all’ordine del giorno), consegnatole da Mario Draghi.  

A scortare l’Alfa Romeo Giulia in cui viaggiava la Meloni, un’altra Alfa: un Suv Stelvio per gli agenti della scorta. Quello col Biscione è il secondo “trasporto” per il nuovo capo del Governo da quando il presidente della Repubblica ha affidato l’incarico governativo alla vincitrice delle elezioni del 25 settembre. Sabato per il giuramento sull’Audi A6 blindata, perché formalmente non era ancora presidente del Consiglio. Ma, dopo la cerimonia, Giorgia Meloni ha chiesto proprio un’auto italiana. Che è tra le sue preferenze, utilizzando come vettura personale una Fiat 500X. Presto arriverà una Stelvio blindata per il nuovo premier che con la sua scelta vuole far capire a tutti di essere italiana a 360°

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Il Cda della Juventus si è dimesso. Lascia anche il presidente Andrea Agnelli
DASPO DELLA POLIZIA AGLI ULTRAS DEL TARANTO CALCIO
Qatar 2022. Partiti i Mondiali di calcio tra polemiche e spese record
Pnrr, la Corte dei Conti ha approvato la delibera sui fondi per lo sport nelle scuole
La Curva Nord lascia San Siro. In un agguato a Milano ucciso il capo ultrà dell'Inter, il pluripregiudicato Boiocchi
Andrea Abodi, un vero manager ministro dello Sport
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito