MENU
16 Aprile 2024 19:14
16 Aprile 2024 19:14

Ecco il piano taglia-arretrati. Rateizzazione delle cartelle esattoriali, fino a 10 anni: come e chi può ottenerla.

Nei "magazzini" del Fisco sono presenti 1.206 miliardi di euro di tasse arretrate non incassate dallo Stato. Un massa enorme che complica la capacità di riscuotere della stessa Agenzia delle Entrate, considerato che un numero elevato di debitori o è morto, o è fallito oppure è nullatenente.

Il decimo tassello, della riforma fiscale targata Meloni, è arrivato sul tavolo del consiglio dei ministri. a sorpresa Ed è un pezzo sostanziale, un passaggio importante soprattutto per i contribuenti. Il decreto legislativo rimette mano completamente al sistema di riscossione delle cartelle esattoriali. Di fatto si preannuncia una vera e propria rivoluzione. Attualmente nei “magazzini” del Fisco sono presenti 1.206 miliardi di euro di tasse arretrate non incassate dallo Stato. Un massa enorme che complica la capacità di riscuotere della stessa Agenzia delle Entrate, considerato che un numero elevato di debitori o è morto, o è fallito oppure è nullatenente.

Il provvedimento firmato dal vice ministro dell’Economia Maurizio Leo, vero padre della riforma, promette di “sgravare” il Fisco da questi vecchi crediti ormai quasi del tutto inesigibili ma, contemporaneamente, promette di rendere più rapida la riscossione rendendo più facile ai contribuenti saldare i propri arretrati con l’ Agenzia delle Entrate. “Aiutiamo chi vuol pagare ma non riesce”, ha detto Leo. Partiamo quindi da quest’ultimo punto. 

Cartelle Fisco, rate più lunghe (da 72 a 120).

Stralcio automatico dopo 5 anni: ecco chi ne ha diritto

Le cartelle esattoriali che saranno emesse a partire dal primo gennaio del 2025 potranno essere pagate a rate, con una dilazione che potrà arrivare fino a 10 anni ( in totale 120 mesi ), e che si aggiunge a quella “ordinaria” di 6 anni (72 mesi). La rateizzazione potrà anche essere prorogata, una volta sola, per un periodo di pari durata (altre 120 rate). Bisogna fare però, alcune distinzioni. La prima è se il debito con lo Stato è superiore o inferiore a 120 mila euro. Chi si trova sotto questa soglia e riceverà una cartella nel 2025 o nel 2026, potrà ottenere una rateizzazione di 84 rate, sette anni. Se la richiesta viene presentata nel 2027 o nel 2028, la rateizzazione massima salirà a 96 rate, otto anni. Dal 2029 si potrà arrivare a 108 rate, nove anni al massimo.

Per ottenere questa dilazione basterà dichiarare di trovarsi in una temporanea situazione di difficoltà economica. Cosa accade invece, per chi ha un debito con il Fisco superiore a 120 mila euro? In questo caso innanzitutto sarà necessario “documentare” la propria difficoltà a pagare. Si terrà conto dell’Isee per le persone fisiche, per le imprese si prenderà in esame l’indice di liquidità e al rapporto tra debito da rateizzare e quello residuo eventualmente già in rateazione e il valore della produzione. In questo caso, come detto, la dilazione potrà arrivare fino a 10 anni, 120 rate mensili.

Ma anche chi ha debiti inferiori a 120 mila euro e dimostra con l’Isee, e non con la semplice dichiarazione, la propria situazione di difficoltà, avrà delle condizioni più favorevoli: la rateizzazione potrà anche per lui arrivare fino a 10 anni. Nel nome della semplificazione, poi, si apre anche la strada a delle mini compensazioni tra le cartelle con il Fisco e i rimborsi di imposta. La somma “compensabile” tuttavia, non potrà superare i 500 euro

Il magazzino delle cartelle

L’altro passaggio riguarda, come detto, il “magazzino” delle cartelle, ossia i 1.206 miliardi di tasse e sanzioni arretrate che il Fisco non è ancora riuscito ad incassare. Di questi solo 100 miliardi sono ancora considerati incassabili. Il resto fa capo a soggetti falliti o deceduti, o ancora, nullatenenti. Il decreto prevede la costituzione di una commissione composta da un presidente di sezione della Corte dei conti, anche a riposo, e da un rappresentante, rispettivamente, del Dipartimento delle finanze e del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. Cosa dovrà fare questa Commissione? Dovrà proporre possibili soluzioni, da attuare con successivi provvedimenti legislativi, per conseguire il discarico di tutto o parte del predetto magazzino. Che significa? Che le vecchie cartelle dovranno essere incassate (anche in parte) o cancellate. In che tempi? Entro la fine del 2025 tutte quelle più vecchie, emesse cioè tra il 2000 e il 2010.

Si tratta, secondo i dati resi noti qualche giorno fa dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, di 335 miliardi, dei quali solo 14 sono ancora considerati effettivamente riscuotibili. Entro il 2027, spiega il provvedimento, dovranno essere “scaricate” le cartelle che hanno una data che va tra il 2011 e il 2017 (altri 325 miliardi circa, di cui 19 considerati ancora incassabili). E, infine, entro il 2031 dovranno uscire dal magazzino tutte le cartelle datate fino al 2024. Per il futuro? Le cartelle che non saranno incassate entro 5 anni saranno restituite agli enti che le hanno emesse. Che, a quel punto, potranno procedere direttamente ai tentativi di incasso o potranno affidarli a società private di riscossione tramite gara. O ancora, potranno chiedere un altro tentativo all’Agenzia delle Entrate. Ma l’obiettivo è che nel magazzino del Fisco non si accumulino più miliardi di cartelle non riscosse.

© CDG1947MEDIAGROUP – RIPRODUZIONE RISERVATA |

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Agenzia delle Entrate, arrestati tre funzionari per corruzione
La Procura europea indaga D'Adamo assessore al bilancio del Comune di Bari per "truffa allo Stato". Il sindaco Decaro gli revoca l'incarico
Chiusa la seconda indagine su Visibilia: indagata Daniela Santanchè per falso in bilancio
Condanne della Cassazione definitive per i due ex pm della procura di Trani Pesce e Ruggiero, ultimamente in servizio alla Procura di Bari
Furti farmaci a Bari : 20 indagati, gli ordini effettuati via socialnetwork
"Scoppiata una turbina". Esplosione alla diga di Suviana: 4 morti, 5 feriti e 4 dispersi.
Cerca
Archivi
Il professor Canfora a processo per aver diffamato la premier Giorgia Meloni
Agenzia delle Entrate, arrestati tre funzionari per corruzione
La Procura europea indaga D'Adamo assessore al bilancio del Comune di Bari per "truffa allo Stato". Il sindaco Decaro gli revoca l'incarico
Par condicio, abolire la commissione di vigilanza ?
Conte il "furbetto": finge di uscire per rientrare ottenendo più poltrone per il M5s in Puglia

Cerca nel sito