MENU
19 Maggio 2024 10:20
19 Maggio 2024 10:20

E’ morto il giornalista Giampiero Galeazzi reso famoso per le sue telecronache indimenticabili

Il noto giornalista e conduttore sportivo ha regalato delle telecronache memorabili soprattutto nel canottaggio in occasione delle Olimpiadi 1988 e 1990. Amico di atleti, calciatori, tennisti e di ogni genere, "Bisteccone" è stato capace di essere soprattutto amico degli italiani. Per questo oggi tutti gli stanno riservando un pensiero, per questo tutti siamo sinceramente tristi, e per questo il cielo a Roma era così grigio.

di REDAZIONE SPORT

Si è spento nella sua Roma all’età di 75 anni Giampiero Galeazzi, noto giornalista e conduttore sportivo conosciuto al grande pubblico televisivo con il soprannome di “Bisteccone” che in gioventù fu anche professionista nel canottaggio, vincendo anche il campionato italiano nel singolo nel 1967 e nel doppio con Giuliano Spingardi nel 1968 (partecipando alle selezioni per le Olimpiadi del 1968 a Città del Messico). Nato a Roma il 18 maggio 1946, da tempo stava male combattendo contro una grave forma di diabete e negli ultimi giorni la sua situazione si era aggravata.

Il cielo su Roma era grigio e Giampiero se n’è andato in una strana giornata di novembre. Lui amava il sole, amava lo stupore che la vita riserva e sapeva trasmetterlo ai telespettatori. Nelle orecchie di tutti coloro che amano le sport, risuonano le sue parole, quelle che hanno scandito le grandi vittorie azzurre, dal canottaggio al calcio, che hanno reso lo sport emozionante anche attraverso il tubo catodico.

Lo chiamavano tutti Bisteccone per sua la stazza che lo ha sempre accompagnato. Appena ventenne entrò negli studi della Rai, fu proprio il giornalista Gilberto Evangelisti ad affibbiargli questo soprannome che lui ha sempre portato sorridendo. Ironico e autoironico, competente come pochi, generoso con chiunque gli chiedesse un consiglio, un autografo o un’intervista, Giampiero Galeazzi si è sempre concesso, ha dato tutto di sé, per questo la gente lo ha amato e lo amerà ancora tanto

Giampiero Galeazzi durante la trasmissione di Rai 1 ”Sabato sport” a Roma il 25 marzo 1989

Ci lascia una delle voci più riconoscibili del panorama giornalistico italiano, . Memorabili le sue telecronache in occasione delle medaglie d’oro nel canottaggio alle olimpiadi, in particolare il trionfo degli Abbagnale a Seoul 1988, una telecronaca rimasta in dubbio fino all’ultimo per via di uno sciopero e a cui Galeazzi arrivò impreparatissimo ma ciò nonostante l’equipaggio napoletano vinse e quel crescendo trionfale della sua telecronaca entrò nella storia . Indimenticabili le sue interviste al Napoli di Maradona, vincitore dello scudetto, con “Bisteccone” negli spogliatori microfono in mano travolto dallo champagne, o quelle per il titolo della Lazio, squadra che ha sempre tifato.

Giampiero Galeazzi si è donato al pubblico, con i suoi pregi e i suoi difetti, i vizi e le virtù, dalla Domenica Sportiva a 90° Minuto, da Domenica In con l’amica Mara Venier alle telecronache fino agli interventi da bordocampo, . Ha cambiato il modo di raccontare lo sport, ha esaltato la Rai dove è stato per oltre quarant’anni e che non avrebbe mai tradito, è stato (sono sue parole) “Pippo Baudo e Sandro Ciotti messi assieme, una bomba atomica”.

Amico di atleti, calciatori, tennisti e di ogni genere, “Bisteccone” è stato capace di essere soprattutto amico degli italiani. Per questo oggi tutti gli stanno riservando un pensiero, per questo tutti siamo sinceramente tristi, e per questo il cielo a Roma era così grigio.

“Papà ora è felice, è in barca, sta remando nel suo Tevere”. Questo il post su Facebook con cui la figlia Susanna ricorda il padre Giampiero e ringrazia le migliaia di persone che stanno salutando il celebre giornalista oggi scomparso.

Alla sua famiglia, alla figlia Susanna Galeazzi nostra collega, e suo orgoglio, le condoglianze più sincera da tutta la famiglia giornalistica ed editoriale del CORRIERE DEL GIORNO.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Semaforo verde della Corte dei Conti sui fondi per i Giochi del Mediterraneo 2026. Si parte !
Concerto Primo Maggio a Roma, top e flop
Saranno Errigo e Tamberi i portabandiera azzurri alle Olimpiadi scelti dal Coni
Par condicio, abolire la commissione di vigilanza ?
Giochi del Mediterraneo 2026: semaforo verde di Emiliano al governo
Sinner-Dimitrov: 6-3, 6-1 il risultato della finale del Masters 1000 di Miami. E' numero 2 al momdo
Cerca
Archivi
Sondaggio Supermedia gela la sinistra: FdI stacca il Pd, crolla il M5S
Un altro weekend tra sole e pioggia
Chico Forti è in Italia: "Ora voglio abbracciare mia madre". Incontro con Meloni
Appello "Ambiente Svenduto": stop ai risarcimenti
Giornalismo in lutto, è morto Franco Di Mare

Cerca nel sito