MENU
13 Giugno 2024 16:51
13 Giugno 2024 16:51

Corte dei Conti: il “sistema Mose” ha protetto più volte Venezia

Il Mose ha protetto più volte la città lagunare dall’acqua alta, con una percentuale di realizzazione infrastrutturale che, a giugno 2022, ha raggiunto il 95%.
di Valentina Rito

Le difficoltà tecniche, economiche, di impatto ambientale e giudiziarie legate alla realizzazione del MOSE di Venezia nel corso degli anni, non hanno comunque impedito il suo funzionamento e, sebbene in operatività provvisoria, il Mose ha protetto più volte la città lagunare dall’acqua alta, con una percentuale di realizzazione infrastrutturale che, a giugno 2022, ha raggiunto il 95%.

E’ quanto ha evidenziato la Corte dei conti nell’analisi – approvata con Delibera n. 35/2023/G – che la Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato ha condotto sulle attività svolte dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti nell’ambito del Sistema Mose, con riferimento allo stato di avanzamento, alla gestione delle attività di controllo della fase attuativa, nonché dei procedimenti amministrativi e dei finanziamenti riferiti al quadriennio 2018-2021, nel quadro del Piano generale degli interventi per la salvaguardia ambientale e idrogeologica di Venezia e del territorio lagunare.

Nel documento, che ha riguardato anche il completamento del cosiddetto “Piano Europa“, il Progetto di decarbonizzazione del Mose e l’intervento per la difesa dalle acque della Basilica di San Marco, la Corte, oltre a rilevare il progressivo ridimensionamento delle passate criticità, ha invitato il Mit a proseguire la collaborazione istituzionale con i soggetti coinvolti nelle attività di completamento del Mose, a vigilare sull’effettivo rispetto del cronoprogramma dei lavori e a mantenere l’impianto in perfette condizioni operative per la consegna al futuro organismo di gestione, auspicando l’adozione di un adeguato impianto fotovoltaico per l’ecosostenibilità del Sistema delle dighe.

Allo stato, anche in virtù della riprogrammazione delle risorse utilizzabili per la realizzazione e la messa in esercizio del Mose (adottata dal Cipess con Delibera n. 39/2021), i lavori di completamento sono in corso di esecuzione.

Delibera-CdC-Mose

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

Articoli Correlati

Ndrangheta e politica a Reggio Calabria: operazione del ROS e della Dda.
Traffico di droga tra le province di Bari e Bat: 29 arrestati dalla Guardia di Finanza
Maxi furto da Bulgari a Roma: per la “banda del buco” bottino da 500mila euro
False accuse di stalking al calciatore Lorenzo Pellegrini, indagato anche Fabrizio Corona
Perquisizioni dalla Guarda di Finanza 5 società del Barese. Bancarotta fraudolenta nel settore edilizio: coinvolta la famiglia Mazzitelli, editore di Telebari
Omicidio Capriati, identificata ed arrestata la donna che fece sparire la pistola di Lello Capriati
Cerca
Archivi
G7 Italia. La premier Meloni: "Rafforzare dialogo con il sud del mondo"
Il G7 in Puglia, con l' Italia protagonista
Il presidente USA Joe Biden arrivato a Brindisi
Autonomia, scontri alla Camera: rissa in Aula, il deputato Donno (M5S) finisce in infermeria
Tamberi e Battocletti oro, Sibilio argento, dei buoni esempi per tutta l'Italia.

Cerca nel sito