MENU
2 Febbraio 2023 02:41
2 Febbraio 2023 02:41

Blitz della Polizia di Stato a Taranto: 38 arresti per associazione mafiosa

ALL'INTERNO TUTTI I NOMI DEGLI ARRESTATI ED I VIDEO DELL'OPERAZIONE . L’operazione antimafia è il frutto di una lunga e complessa attività d’indagine della Squadra Mobile della Questura di Taranto, diretta dal vicequestore dr. Fulvio Manco, svolta con il supporto – investigativo e di prevenzione - della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato.

di Redazione Cronache

Nelle prime ore di questa mattina la Polizia di Stato , nell’ambito di un’indagine coordinata dal pm Milto Stefano De Nozza della D.D.A.-Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, ha eseguito a Taranto un’ordinanza di custodia cautelare emanata dal Gip Marcello Rizzo del Tribunale di Lecce di 869 pagine a carico di 38 soggetti (di cui 28 in carcere e 10 agli arresti domiciliari) presunti responsabili a vario titolo di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e di altri gravissimi reati tra cui estorsione, detenzione e porto illegale di armi e munizioni, lesioni personali, ed altro.

pm Milto Stefano De Nozza

L’operazione in questione è il frutto di una lunga e complessa attività d’indagine della Squadra Mobile della Questura di Taranto, diretta dal vicequestore dr. Fulvio Manco, svolta con il supporto – investigativo e di prevenzione – della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato.

Le indagini hanno permesso di accertare come il noto “clanPascali – già destinatario del “sigillo della mafiosità” duramente colpito dalla sentenza di condanna passata in giudicato nell’operazione “Città Nostra” – abbia continuato, nonostante il perdurante stato detentivo, ad operare sotto la guida del capo storico e, in posizione lievemente subordinata, del fratello (personaggio non meno carismatico ed anzi ancor più violento del primo).

Le indagini hanno avuto inizio da un episodio avvenuto il 31 ottobre 2018 a Taranto nel quale due pregiudicati (indagati dei reati in concorso di lesioni personali pluriaggravate, detenzione e porto di armi comuni da sparo e esplosione di colpi di arma da fuoco in luogo pubblico) a bordo di uno scooter, spararono colpi di arma da fuoco agli arti inferiori di un giovane colpevole di aver richiesto l’amicizia su Facebook alla compagna di uno dei due.

I numerosi colloqui tra i due fratelli Pascali ( Nicola e Giuseppe) hanno consentito di riscostruire il contributo attivo di molti degli affiliati al clan, tra i quali, certamente, spiccano le figure delle mogli dei due, alle quali veniva delegato il compito di veicolare all’esterno del carcere gli ordini e le direttive ricevute dai propri mariti.

Gli investigatori hanno raccolto elementi idonei a sostenere come Antonella Bevilacqua moglie di Nicola Pascali fosse diventata la “reggente” in libertà di tutte le attività illecite del sodalizio secondo le precise disposizioni dei coniuge detenuti, oltre a svolgere la funzione di “supervisore” delle attività del clan per ciò che attiene il settore delle estorsioni. In particolare, insieme alla cognata Eufrasia Quero, mogli di Giuseppe Pascali avrebbero avuto il compito di recapitare all’esterno del carcere messaggi contenenti ordini e direttive degli esponenti apicali, detenuti, dell’organizzazione criminale e di procedere alla riscossione del denaro di provenienza delle attività estorsive. Alla Bevilacqua ed alla Quero viene attribuito il ruolo di “promotori” di un’associazione di stampo mafioso.

Il compendio investigativo delinea un quadro probatorio volto a disvelare la perdurante attività dell’associazione e, quindi, la coesione interna di un gruppo criminale unificato intorno a figure dirigenziali riconosciute; il comune sentimento di appartenenza ad un medesimo organismo, strutturato e con proprie gerarchie, dedito al perseguimento di scopi condivisi; l’interazione del clan con le altre realtà mafiose e non del territorio; la presa sul territorio esercitata con metodi spesso violenti, ma anche, e soprattutto, silenti; il possesso di armi.

Intervista al Prefetto Francesco Messina Direttore Centrale Anticrimine della Polizia di Stato

È emerso come il clan non avesse più bisogno di passare a gesti di violenza, anche estrema, per dominare il territorio di riferimento, potendo godere di una fama criminale di tale portata da esercitare un controllo totalizzante in varie zone della città, soprattutto nella zona del Quartiere Paolo VI. Il provvedimento dell’ Autorità giudiziaria ha evidenziato che i due fratelli Pascali avrebbero proseguito l’azione criminale del sodalizio di stampo mafioso, conservando e rafforzando l’egemonia dell’associazione mafiosa sul territorio nei confronti sia dei suoi aderenti sia della società civile, prona ad un assoluto controllo, oltre che rispetto ad altri gruppi criminali “nemici” verso i cui sodali rivolgevano violente rappresaglie.

Significativo l’episodio in cui il fratello minore Giuseppe Pascali, all’interno del carcere di Foggia, ha violentemente aggredito il rappresentante di un clan rivale, costringendolo a scrivere una lettera in cui rappresentava la volontà di dissociarsi dal gruppo criminale di appartenenza. Tra le fonti di reddito, il racket delle estorsioni ed il traffico di sostanze stupefacenti avevano carattere di sistematicità.

Dalle indagini svolte e dalle risultanze delle attività tecniche, sarebbe emerso come, anche durante il periodo di detenzione dei due fratelli, il clan abbia posto in essere l’attività illecita del traffico di sostanze stupefacenti, approvvigionandosi dal territorio napoletano e da altri clan affiliati alla camorra. In ogni caso, i sodali, pur svolgendo in autonomia e in forma associativa l’attività delittuosa, riconoscevano ai vertici del clan una quota dei loro introiti, una vera e propria “royalty” che assicurava loro di poter spendere il “buon nome” dei fratelli Pascali ed usufruire di canali di approvvigionamento di stupefacenti vicini agli stessi.

Sarebbero quindi due i gruppi criminali autonomi e indipendenti cui è stato contestato il reato dell’associazione armata aggravata ex art. 74 , comma 4 del DPR 309/1990, a carico dei quali sono stati effettuati numerosi sequestri di ingenti quantità di droga, denaro, armi e munizioni. Tra gli altri, quasi 3 kg di cocaina, 200mila euro in banconote di vario taglio conservate anche in mazzette sottovuoto, armi e munizioni tra cui una pistola semiautomatica clandestina Beretta modello 98F calibro 7,65, una pistola tipo revolver marca Weihrauch modello HW38 calibro 38 special con matricola abrasa, risultata poi essere provento di furto; una pistola “da guerra” semiautomatica ed automatica con matricola abrasa, con funzionamento sia a colpo singolo sia automatico a raffica; una penna pistola calibro 6,35 (“arma camuffata” e quindi “arma tipo guerra”), un silenziatore perfettamente compatibile; numerosi proiettili calibro 7,65 e 38 special.

Rilevante anche il profilo delle estorsioni ambientali, settore in cui i due fratelli e le donne avrebbero agito con la minaccia consistita nell’evocare, anche tacitamente, l’esistenza e l’appartenenza al clan Pascali  per ottenere una dazione settimanale di somme di denaro, non complessivamente quantificabili, quali “pensiero” per il sostentamento delle famiglie dei membri del clan, pretendendo ed ottenendo somme a loro non dovute.

Tra le vittime vi erano soprattutto titolari di esercizi commerciali per la vendita di automobili, bar, pizzerie, ortofrutta, imprenditori nel settore delle bevande, nel settore dei mitili, titolari di imprese di pulizie, gestori di piazze di spaccio. Oltre alle sostanze stupefacenti e le armi, sono state sequestrate anche numerose lettere. In particolare, corrispondenza trasmessa al maggiore dei due fratelli da soggetti appartenenti al sodalizio criminale, corrispondenza dal padre e dai fratelli e, infine, corrispondenza da  appartenenti ad altri sodalizi. Nelle stesse, si esprime la vicinanza e la devozione al capo Nicola “Nico” Pascali nonché si dà conto anche dell’attività estorsiva nelle quali spendono il suo nome ed il suo prestigio.

Nella conferenza stampa odierna il direttore centrale anticrimine, prefetto Francesco Messina, affiancato dal questore di Taranto Massimo Gambino, dal direttore della 1a divisione dello S.C.O. Marco Garofalo e dal dirigente della Squadra Mobile di Taranto Fulvio Manco . “Si tratta di una delle operazioni più significative per la realtà di Taranto” ha affermato MessinaÈ stata disarticolata un’associazione, quella dei Pascali, effervescente che aveva il suo core business a Paolo VI, ma era abbastanza ramificata toccando anche la provincia. Quanto alle forniture di cocaina e hascisc i gruppi avevano collegamenti con la camorra napoletana e la criminalità albanese

“Qualche esponente sarebbe legato alla spettacolare sparatoria accaduta nelle ultime ore – ha aggiunto Messina Il clan operava su diversi fronti, soprattutto nel campo delle estorsioni ottenendo la provvista presentandosi semplicemente dai soggetti estorti senza ricorrere ad azioni violente sfruttando la propria fama criminale è il controllo totalizzante del territorio. Dispiace che nessuna delle vittime si sia mai rivolta alle forze dell’ordine per denunciare. Ci aspettiamo più collaborazione dai cittadini“.

“L’associazione aveva anche una sua dimensione social” ha spiegato MessinaAlcune donne del clan erano solite registrare video con canzoni neomelodiche in cui raccontavano l’attività del gruppo e altri soggetti si manifestavano come attori. Il gruppo criminale era in fase espansiva avendo contatti con appartenenti alla camorra e alla mafia albanese. L’operazione testimonia che Taranto ha canoni di sicurezza elevatissimi”. Il questore di Taranto Massimo Gambino ha voluto confermare l’impegno della Polizia di Stato a Taranto: “Abbiamo fornito risposte immediate rispetto a quanto accaduto di recente in città. L’attenzione è costante e l’attività di prevenzione è continua e condivisa con le altre forze dell’ordine”.

Tutti i nomi degli indagati:

AGROSI Luigi, nato a Grottaglie (TA) il 28.09.1990 – arrestato, tradotto in carcere

ALBERTINI Giovanni, nato a Martina Franca (TA) il 27.03.1978 – arrestato, tradotto in carcere

AULETTA Salvatore, nato a Torre Annunziata (NA) il 05.12.1987 – arrestato ai domiciliari

BEVILACQUA Antonella, nata a Taranto il 27.07.1978 – arrestata, tradotta in carcere

BISIGNANO Agostino, nato a Taranto il 27.12.1982 – arrestato, tradotto in carcere

BLEVE Antonio, nato a Taranto il 02.05.1988 – – arrestato, tradotto in carcere

BRESCIA Pietro Francesco, nato a Martina Franca (TA) il 02.07.1988 – arrestato ai domiciliari

BRUNO Cecilia Catia, nata a Taranto il 22.11.1974

CAFORIO Cosimo Damiano, nato a Taranto il 02.10.1993 – arrestato, tradotto in carcere

CAPUANO Emanuele, nato a Taranto il 02.03.1981 – arrestato, tradotto in carcere

CHIAFELE Christian ( detto “il nano“), nato a Taranto il 29.09.1979 – arrestato, tradotto in carcere

CICCOLELLA Gianluca, nato a Taranto il 06.11.1980 – arrestato ai domiciliari

COSMAI Francesco (detto “U’ Draghett“), nato a Taranto il 29.01.1959 – arrestato ai domiciliari

DE CATALDIS Walter (detto Walterino), nato a Taranto il 12.11.1994

DURELLI Leonardo, nato a Taranto il 25.01.1977 – arrestato, tradotto in carcere

GIANNETTI Carlo (detto “Carletto“), nato a Taranto il 14.02.1994

GIANNOTTA Robin, nato a Taranto il 15.09.1994

GRECO Antonio, nato a Taranto il 11.12.1977 – arrestato ai domiciliari

GUARINO Consiglia, nata a Taranto il 07.01.1983

GUARINO Mirko, nato a Taranto il 10.06.1989 – arrestato, tradotto in carcere

IACCA Domenico, nato a Taranto il 06.05.1978 – arrestato, tradotto in carcere

INGENITO Francesco, nato a Taranto il 18.02.1975

LAGIOIA Lucky ( detto “Luchino“), nato a Taranto il 19.04.1986 – arrestato, tradotto in carcere

LATORRE Alessandro, nato a Taranto il 23.01.1982

LABRIOLA Salvatore, nato a Taranto il 21.03.1979 – arrestato, tradotto in carcere

LOPERFIDO Simone, nato a Taranto il 05.05.1995 – arrestato, tradotto in carcere

MAIORINO Antonio, nato a Taranto il 30.07.1976 – arrestato, tradotto in carcere

MARANGIOLO Benito (detto “Bruno“), nato a Taranto il 24.01.1992 – arrestato ai domiciliari

MARTINO Giorgio, nato a Brindisi il 17.07.1979

MASTROVITO Davide, nato a Martina Franca (TA) il 28.10.1997

MASTROVITO Marco, nato a Martina Franca (TA) il 20.12.1995

MUNNA Miriam, nato a Taranto il 30.01.1996

PALUMBO Giuseppe (detto “Pepè“), nato a Taranto il 12.11.1989 – arrestato ai domiciliari

PASCALI Carmelo, nato a Taranto il 06.07.2000

PASCALI Giuseppe, nato a Taranto il 21.12.1985 – arrestato, tradotto in carcere

PASCALI Luca, nato a Taranto il 02.08.1982 – arrestato, tradotto in carcere

PASCALI Nicola (detto “Nico“), nato a Taranto il 07.09.1979 – arrestato, tradotto in carcere

PETRELLI Giuseppe, nato a Taranto il 06.02.1987 – arrestato, tradotto in carcere

PORTACCI Giuseppe, nato a Taranto il 26.06.1975 – arrestato, tradotto in carcere

PRESTA Francesco, nato a Taranto il 13.07.1996 – arrestato ai domiciliari

QUARATO Vito, nato a Martina Franca (TA) il 15.03.1971

QUERO Eufrasia (detta “Eleonora“), nata a Taranto l’ 08.03.1988 – arrestata, tradotta in carcere

RICATTI Vincenza (detta “Enzina Motolese“) , nata a Taranto il 21.09.1967

ROSATO Antonio, nato a Putignano (BA) l’11.12.1980

SALERNO Vito Onofrio, nato a Monopoli (BA) – arrestato, tradotto in carcere

SANGERMANO Francesco, nato a Taranto il 06.03.1995 – arrestato, tradotto in carcere

SEBASTIO Cosimo, nato a Taranto il 05.02.1998

SEDETE Antonio (detto “Tony“), nato a Torino il 12.05.1969

SEDETE Giovanni , nato a Taranto il 20.02.1944

SEDETE Massimo , nato a Taranto il 12.08.1973 – arrestato, tradotto in carcere

SEDETE Patrizio, nato a Taranto il 24.01.1977 – arrestato, tradotto in carcere

SPEZIO Pietro, nato a Martina Franca (TA) il 05.05.1987 – arrestato, tradotto in carcere

TAMARISCO Domenico (detto “Mimmo“), nato a Torre Annunziata (NA) il 21.08.1974

TAMBONE Francesco, nato a Taranto il 06.04.1994 – arrestato, tradotto in carcere

TORTORELLA Francesco (detto “Power Ranger“), nato a Taranto il 25.05.1988 – arrestato ai domiciliari

VERARDI Ezio, nato a Taranto il 17.05.1997 – arrestato, tradotto in carcere

ZONILE Amedeo, nato a Taranto il 10.05.1968 – arrestato ai domiciliari

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Al via il processo allo scrittore Roberto Saviano, accusato di diffamazione contro Matteo Salvini
Indagata l' escort scrittrice Blueangy per aver messo in rete il video di una notte di sesso con una donna-cliente
A processo l'ex presidente della Provincia e sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti e altri otto imputati
Venti di burrasca legale e giudiziaria su alcuni consiglieri dell' Ordine Avvocati di Taranto
Incendio nel centro di Taranto, trovata una donna morta. Intero attico distrutto
Elezioni Ordine avvocati a Taranto: "tutto in famiglia". Un'elezione falsata (?) dai diversi conflitti di interesse della commissione
Archivi
L’Opinione del Direttore
Al via il processo allo scrittore Roberto Saviano, accusato di diffamazione contro Matteo Salvini
L'ex magistrato Nardi ed i suoi presunti complici a processo dinnanzi al Tribunale di Potenza
Indagata l' escort scrittrice Blueangy per aver messo in rete il video di una notte di sesso con una donna-cliente
Polizia di Stato e Eni rinnovano l’accordo sulla prevenzione e il contrasto dei crimini informatici

Cerca nel sito