Il Capodanno di Taranto ? Una città devastata dai botti. Ed il Comune ha persino il coraggio di gioire per una serata di musica da sagra paesana !

ROMA – Decine e decine di cassonetti per la raccolta dei rifiuti dell’ AMIUTaranto ancora una volta incendiati ed andati distrutti , danni ad alcune auto, alcune delle quali letteralmente bruciate, strade inondate dalla spazzatura e dai residui dei botti questo il vero bilancio della notte di San Silvestro. Insieme ai botti di Capodanno sono stati esplosi in via Dario Lupo anche dei colpi di pistola e di fucile che hanno raggiunto un’auto parcheggiata. La Polizia di Stato immediatamente intervenuta sul luogo ha rinvenuto diversi bossoli, e la stessa cosa è accaduta in via Argentina.

Questo è il vero bilancio della notte di Capodanno a Taranto in cui il Sindaco RinaldoMelucci, evidentemente troppo impegnato a precipitarsi “a comando”  a Bari alla corte del Governatore Michele Emiliano, si è ben guardato dall’emettere  (e far rispettare) un’ordinanza contro i botti,  e nel pieno centro cittadino , in  via Duca di Genova hanno fatto saltare un tombino con una mega bomba. Nel quartiere Tamburi hanno sfondato una saracinesca con un’auto, e fatto piazza pulita in un negozio di elettrodomestici molto noto.

Un Capodanno cui la Polizia Locale si è ben guardata dal togliersi la divisa ed andare in giro per la città, a scoprire senza essere riconosciuti, chi vendeva i botti e magari…. sequestrarli come hanno fatto la forze dell’ ordine “serie” e cioè Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Statograzie all’input ricevuto dall’ attento e vigile Prefetto di Taranto. O forse per gli uomini della Polizia Locale è stato meglio incassare degli straordinari, presidiando senza alcun reale giustificato motivo e necessità la festa musicale di piazza M. Immacolata ? “Buona la seconda” direbbe il comico Corrado Guzzanti !
Come si fa a non ridere a crepapelle quando arriva in redazione un comunicato stampa del Comune di Taranto che così recita testualmente: “La prima edizione del capodanno tarantino per  alcuni beni è andata al di là di ogni aspettativa viste le scarse risorse e la mancata pianificazione, avevamo, con non poco rammarico, accantonato l’idea di regalare alla città un Capodanno in piazza”. Come non consigliare al più presto una vista da un medico, ma uno veramente “bravo” per controllare il delirio da auto-celebrazione dell’ “assessora” al marketing territoriale, turismo e allo sviluppo economico Valentina Tilgher ?
L’abitudine di “mentire sapendo di mentire” (nei prossimo giorni vi spiegheremo come e perchè) non è quindi un’ “esclusiva” del Sindaco Melucci, ma ha contagiato anche il suo assessore Tilgher, che si prodiga nella sua triste ridicola auto-celebrazione a mezzo comunicato stampa rivolgendosi “agli artisti, generosissimi, che hanno risposto con immediatezza ed entusiasmo alla chiamata del Comune di Taranto: Mietta, James Senese ed i Napoli Centrale, MAMA Marjas e don Ciccio, i Terraross, Salvatore Russo ed il suo Gipsy Trio, i Tryfolk, Franco Cosa, Cristiano Cosa, i Dali e Blanca Armentero“.
Generosissimi ? Qui di “generosissime” in realtà sono state soltanto le casse del Comune di Taranto che hanno dispensato e speso 17.080 euro per il palco, 7.320 alla cantante tarantina Mietta (ormai nel limbo delle promesse mancate della musica italiana),  500 euro a “tale” Antonio Pizzolla  per la “direzione palco”, 4.000 euro per un coppia di cantanti di provincia di provincia quali “Mama Marjas & Don Ciccio” fatturati dalla  “Love University Records” di Francesco Grassi ; 6.000 euro al presentatore Mauro Pulpito, e 4.000 al presentatore Fabiano Marti, i quali secondo l’assessore “hanno dimostrato un amore verso la città raro e smisurato” …. 2.500 ad un gruppo musicale tarantino composto da Franco Cosa, Roberto Andrisani, Giovanni Coloro, Cristiano Cosa e Felice Di Turi 13.300 a James Senise ed il suo gruppo Napoli Centrale, per un totale complessivo di circa 80mila euroMa di quale “ringraziamenti“, di quale “amore per la città”  parla l’assessore Tilgher ???

Secondo l’assessora Tilgher  del comune di Tarantola notte di San Silvestro ci ha consegnato l’immagine di una città aperta al futuro, al rispetto del bene comune, di sé e degli altri; una città che ha festeggiato, come giusto che fosse, in un tripudio di sano divertimento“. Vorremmo chiedere a questo assessore: come mai non fa il nomi degli sponsors che “con un contributo economico o di servizio, ha sponsorizzato l’evento“. Forse perchè qualcuno avrebbe potuto obiettare il loro imbarazzante conflitto d’interessi esistente con il Comune di Taranto ?

Noi i nomi degli sponsors li conosciamo, ma sfidiamo il Comune di Taranto ad avere il coraggio, la trasparenza e dignità di farli apertamente. Per non deludere la legittima curiosità dei nostri lettori vi diamo qualche indizio: uno sponsor è affezionato all’evasione fiscale in barca, l’altro allo smaltimento dei rifiuti alle porte di Taranto.
Non ci meravigliamo di tutto questo, cari lettori di Taranto, considerando la ritrosia ed “allergia” di questa Amministrazione Comunale alla “trasparenza”, comportamento che abbiamo documentato e denunciato alle Autorità di controllo competenti a seguito delle nostre istanze di accesso gli atti amministrativi non rispettate dal Comune di Taranto per  alcuni beni  ex-demaniali concessi agli “amici degli amici” sul lungomare di Taranto ….
All’ assessora  infine Tilgher consigliamo un più basso profilo, è la città di Taranto che andrebbe promossa turisticamente, non la sua presunta e millantata attività assessorile, che definire “inutile” ed “inconcludente”, ancora una volta,  è dire veramente poco. E durante le feste noi del CORRIERE DEL GIORNO siamo anche troppo buoni…..

Il “vero” vergognoso Capodanno di Taranto

quello l’ Amministrazione Comunale di Taranto cerca di coprire o ignorare

Capodanno 2017 Taranto




Fotocronaca del Concerto del 1 maggio a Taranto

La più bella cronaca del Concertone tarantino raccontata dalle immagini, dal volto dei protagonisti: il pubblico

 

11136176_941074255932504_5682087192154796069_o10344418_941074789265784_646423337982684887_o

11154579_941074939265769_7488237368889317768_o

1606340_941074089265854_4194901386550931971_o

 

 

 

 

 

 

 

1956974_941074565932473_305350823577833802_o

 

 

 

 

 

 

 

 

10483831_941075665932363_3791035637431137706_o

 

 

 

 

 

 

 

10562528_941073675932562_4281333564226916509_o

10682427_941076362598960_3972354062041285418_o-1

10900196_941073932599203_7048738447734715170_o

 

10955134_941074309265832_8939560385767460975_o

10982905_941074742599122_2549950331540043120_o

 

 

 

 

 

 

11083971_941074315932498_4673478974493275668_o

11041168_941075865932343_6397158181499533207_o

11078063_941075709265692_305257491599074861_o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

11120077_941074135932516_883798346092200154_o

 

11157495_941075989265664_1056966248608070238_o

11174668_941075142599082_4630383049052955270_o

11182708_941073835932546_508169120580100341_o

 

 

 

 

 

11118374_941074485932481_4593988356099328212_o10842350_941076785932251_5867902473184597179_o
11174270_941076579265605_275942288373028041_o 11174311_941076749265588_5241656203787707936_o11181939_941076465932283_8120122367499881661_o11212187_941075629265700_1533232373887243124_o11054824_941076719265591_1432335104004104025_o11155115_941076722598924_4227817444148421632_o11163322_941076029265660_2077160732201825921_o

10835485_941076052598991_7461211228013292966_o

10835485_941075662599030_1770316380779581490_o

11203586_941074779265785_1037179725973910385_o11219498_941076122598984_3667469870785082429_o

11182785_941074085932521_1701722029935019617_o11187183_941074782599118_4065425154446687226_o