Banda ultralarga: il sistema delle Camere di Commercio lancia il progetto Ultranet

di Marco Ginanneschi

ROMA – Sensibilizzare, informare, formare sulle opportunità offerte dalla banda ultralarga. Ma anche stimolare la domanda e l’offerta, pubblica e privata, di nuovi servizi 4.0. E’ l’obiettivo del progetto Ultranet, con il quale Unioncamere è risultata vincitrice del bando lanciato dal Ministero dello Sviluppo economico il 7 dicembre 2016. Il progetto, per la cui realizzazione Unioncamere si avvarrà delle Agenzie del sistema camerale che opereranno in stretta collaborazione con le 76 strutture camerali (75 Camere di commercio e una Unione regionale) che ad oggi hanno aderito all’iniziativa, interesserà tutto il territorio nazionale per i prossimi tre anni.

Con questo progetto, coerente con la Strategia italiana lanciata dal Governo e con le Linee guida per il piano di comunicazione nazionale per la Banda ultralarga, il sistema camerale intende contribuire alla riduzione del ritardo digitale accumulato dal nostro Paese, quart’ultimo nella classifica dei 28 Stati dell’Unione europea secondo il Digital Economy and Society Index 2017. Ultranet, quindi, affiancherà l’azione del Governo prima di tutto, ma non solo, nelle cosiddette “aree bianche” (quelle in cui nessun operatore è interessato a investire nei prossimi tre anni e che sono quindi oggetto dell’intervento pubblico).

il sottosegretario Antonello Giacomelli

“Il piano Bul volta pagina, arriva direttamente alla porta di cittadini e imprese. Superata la fase di messa a punto di un piano nazionale ambizioso e sfidante, individuate le aree dove era necessario l’intervento dello Stato per realizzare una rete pubblica perché i privati non erano intenzionati ad investire, selezionato con bandi chi dovrà realizzare i lavori, ora la fibra sbarca sui territori”, ha dichiarato il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli. “Si tratta di un passaggio cruciale a cui lavoriamo da tre anni e per questo è fondamentale accompagnare la realizzazione della rete pubblica, incentivando l’azione di Comuni e imprese a diffondere e utilizzare i servizi digitali. Il progetto del sistema camerale va in questa direzione”.

Sui temi dell’innovazione digitale il sistema camerale è fortemente impegnato per dare il massimo supporto alle esigenze di modernizzazione delle imprese e il progetto Ultranet è un ulteriore passo in avanti in questa direzione” – sottolinea il presidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti – “Si tratta di un’iniziativa in perfetta sintonia con gli obiettivi strategici e con le nuove competenze in materia di competitività e sviluppo delle imprese attribuite alle Camere di commercio dalla recente legge di riforma”.

Tra i punti di forza di questa iniziativa, la possibilità di valorizzare i dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio per consentire ad Infratel Italia Spa, la società in house del Ministero dello sviluppo economico che è il soggetto attuatore dei Piani Banda Larga e Ultra Larga del Governo, di programmare ed effettuare lavori di infrastrutturazione pienamente rispondenti alla distribuzione delle imprese sul territorio. Figure centrali per la realizzazione del progetto sono gli oltre 130 Pivot territoriali già selezionati all’interno delle Camere di commercio che, a partire dal 5 ottobre prossimo, saranno impegnati in una specifica attività di formazione. A supporto dell’attività dei Pivot, è stata già predisposta una Community riservata e sarà presto reso disponibile un network informativo pubblico che si arricchirà man mano delle best practices individuate a livello territoriale.

Saranno proprio i Pivot, anche in collaborazione con i 77 Punti per l’impresa digitale che le Camere di commercio stanno avviando nell’ambito del Network Industria 4.0 promosso dal Ministero dello Sviluppo economico, che realizzeranno gli oltre 160 seminari ed eventi informativi previsti rivolti alle imprese, soprattutto di piccole dimensioni, agli operatori economici, ai cittadini e alle altre pubbliche amministrazioni. Obiettivo di queste attività è stimolare la nascita di nuovi servizi e l’aumento della domanda di connettività, informando al tempo stesso su tempi, modalità e stato di sviluppo del piano per la banda ultralarga.




TIM lancia la fibra a 200 megabit in 169 comuni della Puglia e Basilicata

ROMA – TIM accelera con la banda ultralarga in Puglia e Basilicata lanciando la connessione super-veloce fino a 200 megabit in 145 comuni della regione. L’iniziativa è il risultato degli importanti investimenti e dell’upgrade tecnologico che TIM ha realizzato sulla propria rete in fibra ottica in tecnologia FTTCab (fiber to the cabinet), che in questo modo diventa ancora più performante: viene raddoppiata la velocità massima dei collegamenti resi disponibili a cittadini e imprese, che passa da 100 a 200 megabit in download e 20 in upload.

I clienti TIM potranno disporre di una velocità di connessione che consentirà di migliorare ulteriormente l’esperienza di navigazione in rete e accedere più velocemente ad applicazioni e servizi, come ad esempio lo streaming di video in HD, praticare il gaming on line multiplayer in alta qualità e disporre di contenuti multimediali anche contemporaneamente su smartphone, tablet e smart TV, oltre che caricare in tempi molto più rapidi foto, video e file di grandi dimensioni.

L’operazione di upgrade tecnologico, che rappresenta un importante step evolutivo delle potenzialità offerte dall’architettura FTTCab, potrà essere richiesta  in maniera gratuita da tutti i clienti che hanno già attiva un’offerta fibra fino a 100 Megabit e che sono attestati sugli armadi stradali già predisposti con la nuova tecnologia e-vdsl. Al cliente verrà inviato un nuovo modem di ultima generazione che supporta la nuova velocità trasmissiva.

Grazie a questa iniziativa, TIM conferma la volontà di offrire alla propria clientela servizi sempre più evoluti e caratterizzati da standard qualitativi elevati. Il lancio dei nuovi servizi in fibra ottica a 200 Megabit è infatti il risultato del forte impulso che TIM sta dando allo sviluppo della propria rete in fibra ottica su tutto il territorio nazionale, grazie agli importanti investimenti previsti per il triennio 2017-2019 che sono pari a circa 11 miliardi di euro in Italia, di cui circa 5 miliardi dedicati esclusivamente allo sviluppo delle reti a banda ultralarga fissa e mobile.

Questo l’elenco dei 145 Comuni della Puglia raggiunti dalla fibra a 200 megabit di TIM

Acquaviva delle Fonti, Adelfia, Alberobello, Alessano, Alezio, Altamura, Andria, Apricena, Aradeo, Ascoli Satriano, Avetrana, Bari, Barletta, Binetto, Bisceglie, Bitetto, Bitonto, Bitritto, Brindisi, Calimera, Canosa di Puglia, Capurso, Carapelle, Carmiano, Carosino, Carovigno, Casamassima, Casarano, Cassano delle Murge, Castellana Grotte, Castellaneta, Ceglie Messapica, Cellamare, Cellino San Marco, Cerignola, Cisternino, Conversano, Copertino, Corato, Corigliano d’Otranto, Crispiano, Cutrofiano, Erchie, Fasano, Foggia, Fragagnano, Francavilla Fontana, Galatina, Galatone, Gallipoli, Ginosa, Gioia del Colle, Giovinazzo, Gravina in Puglia, Grottaglie, Grumo Appula, Laterza, Latiano, Lecce, Leporano, Lequile, Leverano, Lizzano, Locorotondo, Lucera, Maglie, Manduria, Manfredonia, Margherita di Savoia, Martano, Martina Franca, Massafra, Matino, Mattinata, Melendugno, Mesagne, Minervino Murge, Modugno, Mola di Bari, Molfetta, Monopoli, Monte Sant’Angelo, Monteiasi, Monteroni di Lecce, Mottola, Nardò, Noci, Noicattaro, Oria, Orta Nova, Ostuni, Otranto, Palagianello, Palagiano, Palo del Colle, Parabita, Poggiardo, Polignano a Mare, Pulsano, Putignano, Racale, Ruffano, Rutigliano, Ruvo di Puglia, Salice Salentino, Sammichele di Bari, San Cesario di Lecce, San Donaci, San Donato di Lecce, San Ferdinando di Puglia, San Giorgio Ionico, San Giovanni Rotondo, San Marzano di San Giuseppe, San Nicandro Garganico, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, San Severo, San Vito dei Normanni, Sannicandro di Bari, Santeramo in Colle, Sava, Scorrano, Soleto, Squinzano, Statte, Surbo, Taranto, Taurisano, Taviano, Terlizzi, Toritto, Trani, Trepuzzi, Tricase, Triggiano, Trinitapoli, Troia, Turi, Ugento, Valenzano, Veglie, Vernole, Vico del Gargano, Vieste, Villa Castelli

Questo l’elenco dei 24 Comuni della Basilicata raggiunti dalla fibra a 200 megabit di TIM:

Acerenza, Avigliano, Barile, Corleto Perticara, Genzano di Lucania, Grottole, Latronico, Lauria, Marsicovetere, Matera, Miglionico, Moliterno, Montalbano Jonico, Oppido Lucano, Palazzo San Gervasio, Pietragalla, Pignola, Policoro, Pomarico, Potenza, Rapolla, Rionero in Vulture, Senise, Tito.