La Banca Popolare di Bari va in soccorso dei soci colpiti dal crollo delle azioni

La Banca Popolare di Bari vara tre misure importanti, le prime tre da quando è scoppiato il caso delle azioni della Bpb mostrando di voler andare incontro a migliaia di azionisti che dall’aprile dello scorso anno (quando un’assemblea dei soci la banca decise di ridurre il prezzo per azione da 9,15 euro a 7,50 euro) hanno avuto difficoltà nella vendita delle loro azioni per poter tornare in possesso del denaro investito ed hanno intrapreso iniziative di tutela dei propri soldi. Queste le tre iniziative: La sospensione dei mutui a privati e aziende, un fondo di solidarietà ed mercato di scambio azionario più ampio.

La Popolare di Bari non è quotata in Borsa, e pertanto la compravendita delle proprie azioni viene effettuato in un mercato interno all’istituto nel quale sinora è sempre stato ridotta le possibilità di vendere le proprie azioni.

Marco Jacobini, Presidente della Banca Popolare di Bari,

Il consiglio di amministrazione della banca che domenica prossima terrà la propria assemblea dei soci azionisti  che si svolgerà alla  Fiera del Levante per approvare il bilancio 2016 e nominare il nuovo consiglio di amministrazione,  ha deliberato per andare incontro ai propri azionisti  di richiedere l’ammissione alla quotazione del proprio titolo azionario sul sistema multilaterale di negoziazione Hi-mtf (Multilateral Trading Facility: mercato per la negoziazione di strumenti finanziari), il cui controllo e proprietà è riferibile ad alcune delle principali istituzioni finanziarie, che  è  un mercato secondario più grande dedicato agli azionisti delle banche non quota il cui accesso è previsto entro il primo semestre dell’anno, in ottemperanza alla direttiva Consob che richiede la più ampia possibilità di scambi dei titoli sul mercato. Non appena possibile, la Banca darà pronta comunicazione dell’ammissione a Hi-mtf, segmento Order Driven, dei relativi dettagli tecnici e della data di inizio delle negoziazioni.

Il progetto risale a qualche mese fa, su iniziativa della Banca Popolare di Bari e nelle ipotesi inizialmente era prevista  la possibilità che altre banche tra le quali le pugliesi Banca popolare pugliese e Banca popolare di Puglia e Basilicata potessero entrare a far parte di questo mercato.  In attesa di entrare nel nuovo mercato, il mercatino interno della Popolare di Bari verrà sospeso, in attesa del prossimo giugno in cui si  prevede l’avvio della quotazione sul nuovo mercato. “Un passo importante – riporta  un comunicato della Banca – verso una maggiore liquidabilità del titolo in virtù della più ampia potenzialità di partecipazione di soggetti al mercato“.

Sulla base del confronto aperto sin dallo scorso novembre con il Comitato di tutela degli azionisti della Banca Popolare di Bari sono previste le altre due operazioni concordate. La prima è relativa allo stanziamento di un fondo sociale per andare incontro alle situazioni di disagio di famiglie e imprese. “Praticamente – spiega Antonio Pinto, presidente del comitato,  – se la banca ha seguito le nostre proposte, dovrebbe essere costituita una fondazione in grado di acquistare le azioni da quegli azionisti che si trovano più in difficoltà. Noi  abbiamo proposto come comitato di utilizzare la soglia del reddito Isee dei 13mila euro. Quegli azionisti che avessero un reddito sotto quella soglia potrebbero cedere le loro azioni alla nuova Fondazione e così facendo potrebbero ritornare in possesso dei soldi investiti“. Per varare questa operazione la Banca avrebbe richiesto l’ autorizzazione alla Consob e deliberato ulteriori misure “per attivare la sospensione delle rate di mutui e finanziamenti per privati e aziende e/o l’allungamento del piano di ammortamento“.

La Banca ha già deliberato ulteriori misure per avviare la sospensione delle rate di mutui e finanziamenti per privati e aziende o in alternativa l’allungamento del piano di ammortamento