MENU
20 Maggio 2022 19:34
20 Maggio 2022 19:34

La Camera approva la riforma giustizia e la legge sul nuovo Csm. Italia viva si astiene

Stringate le parole dalla Guardasigilli Marta Cartabia, , prima del voto finale, rivolgendo un "grazie" a chi ha consentito questo risultato. Non ci sono ostacoli sugli ordini del giorno. Si è svolto un dibattito senza sorprese che alla fine ha dato semaforo "verde" alla riforma del Csm.

Finisce con 328 voti a favore, 41 contrari, 25 astenuti, su 394 deputati presenti e 369 votanti la votazione per la riforma del Csm della Camera dei Deputati . La maggioranza parlamentare vota “sì” alla riforma , tranne Italia Viva che si astiene e Cosimo Maria Ferri parla di “mini riforma“. Evidenti i contrasti interni a Forza Italia e della Lega, che già punta alla prossima scadenza del 12 giugno sui cinque referendum sulla giustizia. Votano la riforma contro invece Fratelli d’Italia e i grillini fuoriusciti di Alternativa c’è. Stringate le parole dalla Guardasigilli Marta Cartabia, prima del voto finale, rivolgendo un “grazie” a chi ha consentito questo risultato: “Il presidente della commissione Giustizia Mario Perantoni e le forze di maggioranza e di opposizione“. Parla anche di “un passaggio importante, in cui abbiamo proposto la riforma migliore possibile, anche se come tutto può essere perfettibile“.

il ministro Guardasigilli Marta Cartabia

Non ci sono ostacoli sugli ordini del giorno. Si è svolto un dibattito senza sorprese che alla fine ha dato semaforo “verde” alla riforma del Csm. Le dichiarazioni di voto in aula hanno confermato il quadro politico emerso nelle ultime settimane, nel corso della trattativa per arrivare al voto di oggi. Mentre i riflettori sono già puntati sul Senato, dove i numeri non sono favorevoli al centrosinistra come alla Camera, e dove i mal di pancia della Lega, di Forza Italia e di Italia viva potrebbe rendere necessario quel voto di fiducia che il premier Mario Draghi aveva anticipato che non sarebbe stato messo alla Camera. Ma invece proprio quella fiducia potrebbe essere indispensabile e necessaria a palazzo Madama.

Ha votato a favore anche il M5S, nonostante alcune perplessità, critico sulla separazione delle funzioni ridotta a un solo passaggio tra giudici e pm nei primi dieci anni di carriera – e sul quale il gruppo pentastellato si è astenuto durante il voto sugli emendamenti in aula , dando il proprio via libera, anche se mantiene non pochi dubbi sulla legge elettorale, e su altri aspetti della riforma, come gli illeciti disciplinari, quello contro chi viola la presunzione di innocenza, e sul fascicolo per valutare la carriera di ogni toga.

Commenta il vice presidente del Csm David Ermini: “Un primo passo, un passo importante. Ora attendiamo fiduciosi le valutazioni e l’approvazione da parte del Senato”. “Con questa riforma i magistrati perdono potere” commenta Enrico Costa di Azione. “Perché oggi sono tutti bravi, quindi decidono le correnti, che protestano e parlano di stravolgimento del modello costituzionale”, criticando e bocciando il possibile sciopero minacciato dai magistrati riuniti sotto la sigla dell’ Anm, l’ associazione nazionale dei magistrati: “Inaccettabile uno sciopero che paralizza tribunali”. E ringrazia pubblicamente le riforme del Guardasigilli Cartabia, che , a cominciare dalla riforma penale che ha messo uno stop al “fine processo mai”. Quindi il fascicolo delle performance che lui stesso ha proposto: “Raccoglierà l’attività svolta quotidianamente per valutare il lavoro di ciascuno. Di fronte a una norma di assoluto buon senso invece l’Anm fa sciopero e chi dovrebbe attuare le leggi invece le contesta”.

Resta comunque da fare, con una riforma costituzionale, l’Alta corte per giudicare disciplinarmente tutti i magistrati, proposta dall’ex presidente della Camera Luciano Violante

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Perquisiti i due broker coinvolti nella tentata mediazione di D'Alema per le armi alla Colombia.
La procura di Bari indaga l'ex-editore della Gazzetta del Mezzogiorno Mario Ciancio, il figlio e l'ex dg Capparelli  per il fallimento della Edisud
Poste Italiane: una storia di 160 anni per costruire il futuro del Paese
L' ufficiale giudiziario notifica il nuovo ricorso a Conte, che non lo ritirava all' ufficio postale, contro il voto di marzo sullo Statuto M5S.
Elezioni Francia, Emanuell Macron rieletto presidente
Fu Giuseppe Conte a forzare le regole sul "caso Barr" ? Sembrerebbe proprio di si.
Archivi
Operazione Transilvania. Carabinieri ed Europol smantellano organizzazione criminale basata in Romania ma operante in Italia ed all'estero
Perquisiti i due broker coinvolti nella tentata mediazione di D'Alema per le armi alla Colombia.
Guerra Russia-Ucraina. Zelensky: "Missili su Desna, molti morti. C'è l'inferno nel Donbass", Contatti tra Washington e Mosca
Guerra Russia-Ucraina. Biden: “Svezia e Finlandia nella Nato? Con la Turchia andrà tutto bene”. Raid nel Donetsk, ucciso bimbo di 2 anni. Mosca caccia 24 diplomatici italiani
Stefania Craxi è la nuova presidente della Commissione Esteri del Senato

Cerca nel sito