MENU
30 Giugno 2022 14:49
30 Giugno 2022 14:49

Il 12 giugno si vota. Arriva “puntuale” la richiesta di condanna per Silvio Berlusconi

Il leader di Forza Italia, processato per concussione e prostituzione minorile, è stato assolto in via definitiva per quei reati. Da quel procedimento è stato aperto un fascicolo sulla ipotizzata corruzione delle ragazze presenti alle feste – compresa Ruby per la quale la procura ha chiesto una condanna a 5 anni – affinchè sostenessero la versione delle “cene eleganti”.

La procura di Milano nel secondo giorno di requisitoria ha chiesto una condanna a 6 anni per Silvio Berlusconi nell’ambito del processo “Ruby ter” al termine del processo che vede imputati l’ex premier e altri 28 imputati, tra cui una ventina di cosiddette ex “Olgettine, ex ospiti alle serate di Arcore che secondo l’ipotesi accusatorie, sarebbero state retribuire, per testimoniare il falso nei processi sul caso di Karima El Mahroug, meglio nota come “Ruby” l’allora 18enne marocchina, ospite tra le altre della residenza dell’ex presidente del Consiglio quando era ancora minorenne. La sentenza arriverà non prima di settembre.

L’ingresso degli uffici della Procura di Milano

La procura di Milano nel secondo giorno di requisitoria ha chiesto una condanna a 6 anni per Silvio Berlusconi nell’ambito del processo “Ruby ter” al termine del processo che vede imputati l’ex premier e altri 28 imputati, tra cui una ventina di cosiddette ex “Olgettine, ex ospiti alle serate di Arcore che secondo l’ipotesi accusatorie, sarebbero state retribuire, per testimoniare il falso nei processi sul caso di Karima El Mahroug, meglio nota come “Ruby” l’allora 18enne marocchina, ospite tra le altre della residenza dell’ex presidente del Consiglio quando era ancora minorenne.

Il leader di Forza Italia, processato per concussione e prostituzione minorile, è stato assolto in via definitiva per quei reati. Da quel procedimento è stato aperto un fascicolo sulla ipotizzata corruzione delle ragazze presenti alle feste – compresa Ruby per la quale la procura ha chiesto una condanna a 5 anni – affinchè sostenessero la versione delle “cene eleganti”.

Maria Rosaria Rossi, senatrice ed ex assistente del Cavaliere

Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, ed il pm Luca Gaglio titolare del procedimento, hanno chiesto in totale 28 condanne . Tra le richieste quella di condannare Maria Rosaria Rossi, senatrice ed ex assistente del Cavaliere, a 1 anno e 4 mesi per “falsa testimonianza“, accusa contestata anche al giornalista Carlo Rossella per il quale sono stati chiesti 2 anni.  4 anni di condanna sono stati chiesti per la showgirl Francesca Cipriani, Condanne richieste fino a 5 anni per venti ragazze, ex ospiti delle serate di Arcore, il cui “silenzio” testimoniale sarebbe stato remunerato da Berlusconi. Chiesti 6 anni e 6 mesi per Luca Risso. Da assolvere, per i pm, solo Luca Pedrini ex assistente di Nicole Minetti. 

Queste le richieste di condanna formulate dall’ accusa: 3 anni e mezzo e 88 mila euro per Ioana Amarghiolalei , 3 anni e mezzo, 95 mila euro per Lisney Barizonte , 4 anni, 147,7 mila euro per Iris Berardi , 4 anni, 147,5 mila euro Concetta De Vivo, 4 anni, 130,5 mila euro per Eleonora De Vivo, 4 anni, 105 mila euro per Aris Espinosa per la quale si è prescritta la falsa testimonianza e chiesta assoluzione per un’imputazione di induzione alla prostituzione, 4 anni, 183 mila euro Barbara Faggioli, 4 anni, 114 mila euro per Manuela Ferrera, 4 anni, 97 mila euro per Marianna Ferrera, 5 anni, 269,8 mila euro per Marysthell Polanco, 5 anni, 237,5 mila euro per Barbara Guerra, 134 mila euro per Miriam Loddo, 3 anni e 4 mesi, 30 mila euro per Giovanna Rigato, 4 anni, 109 mila euro per Raissa Skorkina , 5 anni, 367,5 mila euro per Alessandra Sorcinelli, 3 anni e 4 mesi, 155,8 mila euro per Elisa Toti, 4 anni, 90 mila eur per Silvia Trevaini e 3 anni e mezzo, 85 mila euro per Iona Visan. Per le restanti posizioni a cui è contestata solo la falsa testimonianza, 1 anno e 8 mesi per Simonetta Losi, 1 anno e 8 mesi per Giorgio Puricelli. Per l’avvocato Luca Giuliante, ex legale di Ruby, chiesti 4 anni per corruzione in atti giudiziari.

L’accusa ha chiesto la confisca di 5 milioni di euro a Ruby e 10 per l’ex premier. L’accusa ha chiesto in totale la confisca di 22 milioni di euro: ci sono anche quelle per un totale di circa 2,7 milioni di euro a carico della ventina di ragazze, ex ospiti delle serate ad Arcore. I pm hanno anche chiesto di confiscare quattro immobili, tra cui le due ville da un milione di euro a Bernareggio, nel Milanese, messe a disposizione di Barbara Guerra e Alessandra Sorcinelli da parte dell’ex premier. I pm hanno chiesto anche ai giudici di applicare con la sentenza sequestri preventivi su tutte le somme e i beni che hanno chiesto di confiscare.

Karima El Mahroug ovvero Ruby Rubacuori sarebbe stata pagata dal leader di Forza Itala. La 18enne marocchina, spacciata per la nipote dell’ex presidente egiziano Mubarak, spendeva “centinaia di migliaia di euro che … le venivano consegnate, tramite il suo legale Luca Giuliante, da Berlusconi; lei più di così non poteva spendere, più di così c’era solo buttare i soldi dalla finestra. Soffre in quel periodo di una vera e propria compulsione a spendere”. Il pm Luca Gaglio ha evidenziato diverse delle prove già agli atti sul ritmo di spesa di Ruby tra cui “i taxi da Genova a Milano, ristoranti e gli alberghi di lusso, dove spendeva anche 1.400 euro in una notte, gli champagne più costosi anche con le scritte fluorescenti”. Secondo il pm Karima El Mahroug, in quel periodo “è come le persone che vincono la lotteria e prima spendono, spendono, poi arriva la depressione e anche il rischio suicidio è alto. Karima era inaffidabile – ha aggiunto ancora il pubblico ministero – e il progetto era non farla testimoniare ed è stata fatta volare via per non farla testimoniare” in particolare nel periodo tra dicembre 2012 e gennaio 2013, cioè quando avrebbe dovuto deporre nel processo Ruby 1 nel quale però Berlusconi è stato successivamente “assolto” in via definitiva., Il pm ha spiegato che “ Ruby si incontrò con Maria Rosaria Rossi”, la senatrice, per un lungo periodo segretaria particolare del Cavaliere e imputata anche lei, “e ricevette i soldi per andare in Messico“, assieme all’allora fidanzato, anche lui imputato Luca Risso, il quale però lo scorso 30 marzo scorso ha dichiarato in aula di non aver mai ricevuto soldi né da Berlusconi né dalla sua ex compagna Ruby.

In udienza è stato affrontato anche il ruolo delle delle “Olgettine”. “A queste ragazze è stato assicurato che sarebbero state a posto sia come reddito, con un mensile da 2.500 euro, per un tetto, una casa, un alloggio . Ci sono elementi e prove che dimostrano che già dal 2011 “esisteva un accordo corruttivo” tra l’ex premier e le ragazze prima che le giovani andassero a testimoniare in aula, ha affermato il pm Gagliovolto ad ottenere le false testimonianze di tutte le testimoni dei Ruby 1 e 2”. Le giovani ragazze secondo l’accusa venivano “pagate anche per rendere interviste ai media non diverse da quelle in tribunale”.

“Vi è stato un accordo per le false testimonianze e si deve comprendere nel pacchetto anche la soluzione aggiuntiva di non rilasciare interviste ai media in senso contrario a quelle rese davanti ai giudici” secondo l’accusa. La tesi contrapposta dal collegio di difesa, tende a dimostrare che le ragazze sarebbero state risarcite per la loro reputazione compromessa dopo lo scandalo delle serate a Villa San Martino. Per la Procura di Milano , invece, l’accordo corruttivo fu stretto “embrionalmente” nel gennaio 2011 con l’ormai nota riunione ad Arcore tra Berlusconi, i suoi legali e le ragazze, dopo le perquisizioni dei pm per il “caso Ruby 1“.

il pm Luca Gaglio e la procuratrice aggiunta Tiziana Siciliano

Il pm Luca Gaglio ha ricordato chealcune di queste imputate avevano l’aspettativa di ricevere un alloggio in proprietà” e non in affitto e ha ricordato il ‘pressing’ delle giovani che andavano ad Arcore, davanti alla villa dell’ex premier, e telefonavano per avere soldi al ragioniere Giuseppe Spinelli “cassiere” di fiducia del Cavaliere Berlusconi.

La Presidenza del Consiglio costituitasi parte civile nel processo, ha chiesto che tutti i 28 imputati, tra cui Silvio Berlusconi, per cui la procura ha chiesto la condanna, risarciscano lo Stato con una provvisionale da 10,5 milioni di euro. L’istanza è stata formulata dall’avvocato distrettuale dello Stato, Gabriella Vanadia, che rappresenta Palazzo Chigi, al termine di un breve intervento in aula. In particolare, la «provvisionale di risarcimento» comprende «10 milioni di euro per la corruzione in atti giudiziari» e «500mila euro per le false testimonianze».

L’avvocato Federico Cecconi, legale difensore di Berlusconi, dopo la richiesta di condanna parlando con i cronisti ha commentato “Non sono sorpreso, questo è un processo dove la Procura da anni continua con questa impostazione accusatoria e noi abbiamo argomenti solidi per arrivare all’assoluzione, il reato non c’è, tutto quello che è stato fatto oggetto di contestazione è smentibile”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Condannato a 12 anni e 8 mesi l'ex giudice di Bari De Benedictis
Gli "strani affari" di Massimo Bochicchio con la cosca Santapaola. Un nuovo mistero ?
I fratelli Matarrese a processo per il fallimento della Sm, che aveva investito e distratto oltre 20 milioni nel Bari calcio
Bochicchio: indagini per istigazione al suicidio. Caccia agli ultimi messaggi del broker morto in un incidente motociclistico
Il broker finanziario Massimo Bochicchio muore in motocicletta : aveva truffato i vip di Roma, Lippi e Conte
Pugnalata a morte nel letto dove dormiva con il marito che subito dopo si è suicidato
Archivi
Il giornalista Rai Ranucci (Report) indagato dalla procura di Roma per minacce via chat e sms all' on. Ruggieri.
Cambio di vertice allo S.C.I.C.O. delle Fiamme Gialle
Stefano Costantini è il nuovo capo Ufficio stampa del sindaco di Roma
Draghi al G7: “Sanzioni fondamentali per spingere la Russia a negoziare. Putin al G20? Da remoto”.
Condannato a 12 anni e 8 mesi l'ex giudice di Bari De Benedictis

Cerca nel sito