MENU
3 Dicembre 2022 05:44
3 Dicembre 2022 05:44

Danno da 11 milioni alla Regione Lazio, Zingaretti sotto inchiesta per le mascherine mai consegnate

Milioni di mascherine pagate e mai consegnate. Il problema sta nella gestione dei contratti, prima revocati, poi rinnovati e alla fine dichiarati nulli. La Ecotech non ha mai restituito l’acconto di 14 milioni di euro ricevuti dalla Regione Lazio, motivo per cui sono partiti gli approfondimenti dei pm della Corte dei Conti affidati al Gico della Guardia di Finanza di Roma. Coinvolta la società International Biolife di Taranto i cui titolari vennero arrestati.

Il presidente Nicola Zingaretti, candidato dal Pd alla Camera, secondo la procura della Corte dei Conti del Lazio deve restituire 11,1 milioni di euro alle casse della Regione per la vicenda delle mascherine acquistate dalla Regione Lazio e mai consegnate durante le prime battute della pandemia. Insieme al governatore Zingaretti sotto inchiesta risulta anche Carmelo Tulumello, capo della Protezione civile regionale, entrambi raggiunti da un invito a dedurre, il corrispettivo di un avviso di garanzia.

A rivelarlo è il quotidiano La Verità che riprende le affermazioni del capo dell’avvocatura della Pisana, Rodolfo Murra. Dal colloquio con il legale emergono i dettagli dell’inchiesta contabile sugli affidamenti alla Ecotech srl di Frascati, società dei Castelli romani ufficialmente rivenditrice di impianti di illuminazione, che, tramite la svizzera eXor, si appoggiava per la fornitura alla Internazionale Biolife società di Taranto . Milioni di mascherine pagate e mai consegnate. Il problema sta nella gestione dei contratti, prima revocati, poi rinnovati e alla fine dichiarati nulli.

Nell’indagine, così racconta l’avvocato Murra, anche la sorella di Zingaretti avrebbe un ruolo ; “La Corte dei Conti sostiene che nella ricerca dei possibili fornitori abbia avuto un ruolo anche la sorella del governatore, mi sembra che si chiami Angela”. A trascinare il presidente nell’inchiesta, però, sarebbero state le dichiarazioni ai media: “State tranquilli che Ecotech paga”. L’azienda in realtà non ha mai restituito l’acconto di 14 milioni di euro ricevuti dalla Regione Lazio, motivo per cui sono partiti gli approfondimenti dei pm della Corte dei Conti coordinati dal procuratore regionale Pio Silvestri, affidati al Gico della Guardia di Finanza di Roma.

A distanza di due anni, non solo la Regione Lazio non risulta essere rientrata delle somme sborsate come anticipi, ma ha anche subìto una nuova beffa. Secondo quanto disposto da un’ordinanza del Tribunale Ordinario di Taranto, datata 15 aprile scorso, la Regione Lazio dovrà corrispondere 4,5 milioni di euro alla svizzera eXor Holding Sa. La eXor è una delle società coinvolte nel caso-mascherine ed è quella che, portando in Tribunale la Regione, ha ottenuto il «pignoramento presso terzi» per cui, di fatto, la Regione finirà per pagare se stessa.

Il Tribunale civile di Taranto dando ragione alla società svizzera eXor Sa, ha concesso il pignoramento e condannano la Regione Lazio presieduta da Nicola Zingaretti a versare a eXor i 4,5 milioni di euro oggetto del credito vantato dalla società svizzera nei confronti della International Biolife di Taranto. Il giudice decise così che la Regione “resta obbligata al pagamento della minima somma residua“, più la metà. Mentre rimane intatto il «buco» di 11 milioni per la presunta truffa subita sulle mascherine fantasma. Ora eXor Sa userà parte dei 4,5 milioni per restituirne 3,5 alla Regione, condannata quindi a risarcire se stessa per le mascherine cinesi acquistate a marzo 2020, pagate parzialmente in anticipo e mai arrivate.

Per la maxi truffa delle mascherine rifilata alla Regione Lazio la Procura di Taranto emise a suo tempo ordini di arresto per i titolari della International Biolife srl società tarantina attiva nel commercio di profumi, che aveva venduto milioni di mascherine alla protezione civile regionale nonostante pesassero sull’azienda sospetti di legami con la criminalità organizzata. La Internazionale Biolife,  è stata denunciata dopo che a Lugano le autorità ticinesi avevano sentito i vertici della Exor, raccogliendo le deposizioni sulle inadempienze del loro fornitore. In mezzo, c’è una certificazione Sgs non valida presentata l’8 aprile alla Regione Lazio, che tutti i protagonisti disconoscono e che avrebbe dovuto provare l’esistenza del carico di mascherine: grazie a questo documento, la Ecotech ha ottenuto la novazione del contratto, inizialmente revocato dalla Protezione civile.

Tutto venne alla luce grazie all’interrogazione presentata in Regione Lazio dalla consigliera di Fratelli d’Italia, Chiara Colosimo oggi candidata anche lei alla Camera dei Deputati. Ai domiciliari su ordine del Gip di Taranto, Benedetto Ruberto finirono Giacomo De Bellis 49 anni di Taranto, Antonio Formaro 63 anni di Taranto, Raffaele Buovolo 54 anni residente in Bulgaria, il primo amministratore della società e gli altri due suoi soci. Indagati Francesco Oliviero 30 anni nato a Roma responsabile commerciale della ditta , Pietro Rosati e Luciano Giorgetti .

la consigliera regionale del Lazio Chiara Colosimo di Fratelli d’Italia

”A seguito di quanto pubblicato oggi sulla ‘Verità’, ho protocollato una richiesta di accesso agli atti urgente; quanto letto questa mattina conferma quello che ho denunciato finora rimanendo sempre inascoltata”. Così il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Chiara Colosimo, presidente della Commissione regionale Trasparenza e Pubblicità, ha commentato la notizia sulle indagini della Corte dei Conti in merito agli affidamenti da parte della Regione Lazio alla Ecotech Srl per la fornitura di milioni mascherine nel 2020.

‘La mia prima interrogazione risale al 7 aprile 2020 ed è ancora senza risposta – prosegue ColosimoNel frattempo oltre ad essere accusata di ‘bufale’ e minacciata di denunce avevo sollevato esattamente quanto sembra emergere dalla Corte dei Conti: infatti quello che secondo noi aggrava tutta la vicenda del ‘mascherine-gate’ è esattamente la scelta di aver affidato a una società non affidabile una commessa così importante e di aver perfino novato i contratti dopo che l’opposizione aveva tentato giustamente di mettere in allerta il presidente Zingaretti”. ‘‘A questo punto non Fdi ma sarebbe la Corte dei Conti – conclude Colosimoa mettere fine al cosiddetto ‘modello Lazio’ mi pare che il banco di Zingaretti sia saltato e con lui tutte le sue bugie”.

TAGS

Sostieni ilcorrieredelgiorno.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra informazione libera ed indipendente e ci consente di continuare a fornire un giornalismo online al servizio dei lettori, senza padroni e padrini. Il tuo contributo è fondamentale per la nostra libertà.

Grazie, Antonello de Gennaro

È possibile sostenere ilcorrieredelgiorno.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT46E0306903248100000007883

Articoli Correlati

Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Maxiprocesso clan Casamonica, per la Corte d' Appello di Roma "È mafia"
La D.I.A. arresta 27 persone a seguito della sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello di Lecce
Arrestati agenti penitenziari a Reggio Calabria responsabili di torture a un detenuto
I Carabinieri di Taranto confiscano beni per 230mila euro ad un condannato per associazione di tipo mafioso
Archivi
Lucarelli censore del nulla: "Moglie Soumahoro sceglie Borrè, ex avvocato di Priebke". E si becca una querela !
Per la Corte dei Conti la legge di bilancio 2023 "Manovra di ampia portata. Coperture efficaci ma poco efficienti"
Soumahoro & Lucano: un loro collaboratore indagato dalla Corte dei Conti
Un video di un sommergibile della Marina Militare "smaschera" la Ong Open Arms: gli scafisti erano a bordo ?
Lavoro. L’ occupazione vola al massimo dal 1977

Cerca nel sito