ESCLUSIVA: le carte integrali dell’inchiesta “Monnezzopoli”: la 5a puntata

ROMA – Il CORRIERE DEL GIORNO mantiene la sua linea di “trasparenza” pubblicando, unita testata in tutt’ Italia, tutti gli atti dell’ordinanza di cautelare che hanno portato in carcere  Martino Tamburrano l’ex-presidente della Provincia di Taranto e come noto altre 6 persone, 4 delle quali sono finite in carcere  mentre altre 3 sono state poste agli arresti domiciliari, e che vede fra gli indagati  il sindaco di San Marzano di San Giuseppe Giuseppe Tarantino , il luogotenente dei Carabinieri  Antonio, per tutti Tonino Bucci (prossimo al congedo) ed i due finanzieri infedeli sospesi dal servizio, i marescialli Francesco Lacorte (originario di San Marzano di S. Giuseppe) e Giuseppe Marzella (originario di Massafra).

Ordinanza TAMBURRANO TER_112

Nelle pagine che pubblichiamo  viene spiegato come funzionava il sistema di tangenti “fatturate” messo in piedi dai “faccendieri” (sotto mentite spoglie di imprenditori,  Pasquale Lonoce e Roberto Venuti e come la Provincia di Taranto, con intercessione di Martino Tamburrano, non solo cambiava parere, ma autorizzava una concessione contraria ad ogni principio di Legge.

 




ESCLUSIVA: le carte integrali dell’inchiesta “Monnezzopoli”: la 4a puntata

ROMA – Il CORRIERE DEL GIORNO mantiene la sua linea di “trasparenza” pubblicando tutti gli atti dell’ordinanza di cautelare che hanno portato in carcere  Martino Tamburrano l’ex-presidente della Provincia di Taranto e come noto altre 6 persone, 4 delle quali sono finite in carcere  mentre altre 3 sono state poste agli arresti domiciliari, e che vede fra gli indagati  il sindaco di San Marzano di San Giuseppe Giuseppe Tarantino , il luogotenente dei Carabinieri  Antonio, per tutti Tonino Bucci (prossimo al congedo) ed i due finanzieri infedeli sospesi dal servizio, i marescialli Francesco Lacorte (originario di San Marzano di S. Giuseppe) e Giuseppe Marzella (originario di Massafra).

Ordinanza TAMBURRANO BIS

cliccando sul piede del documento è possibile sfogliare leggere tutti i documenti 

La nostra inchiesta continua con la pubblicazione del 4° “blocco” di pagine che potrete leggere sopra, che contengono le conversazioni intercettate nella cena di “festeggiamento” per l’avvenuta determina dirigenziale della Provincia di Taranto, voluta da Martino Tamburrano e firmata da Lorenzo Natile, a fronte delle tangenti pagate dalla “cricca”.

Nelle conversazioni si parla di Tonino Albanese… ma anche dei contatti della “cricca” con  Mimmo Mazza il giornalista capo servizio della redazione di Taranto della Gazzetta del Mezzogiorno contatti che, secondo noi come si evince degli atti d’indagine,  che di giornalistico hanno ben poco…..(vedi pagine 73 e 91 del documento). Lasciamo ai lettori ogni giudizio e commento in merito . Noi da parte nostra ci tappiamo il naso…




ESCLUSIVA: le carte integrali dell’inchiesta “Monnezzopoli”: la 3a puntata

ROMA – Il CORRIERE DEL GIORNO mantiene la sua linea di “trasparenza” pubblicando tutti gli atti dell’ordinanza di cautelare che hanno portato in carcere  Martino Tamburrano l’ex-presidente della Provincia di Taranto e come noto altre 6 persone, 4 delle quali sono finite in carcere  mentre altre 3 sono state poste agli arresti domiciliari, e che vede fra gli indagati  il sindaco di San Marzano di San Giuseppe Giuseppe Tarantino , il luogotenente dei Carabinieri  Antonio, per tutti Tonino Bucci (prossimo al congedo) ed i due finanzieri infedeli sospesi dal servizio, i marescialli Francesco Lacorte (originario di San Marzano di S. Giuseppe) e Giuseppe Marzella (originario di Massafra). La pubblicazione continua con il 3° “blocco” di 27 pagine.

 Ordinanza TAMBURRANO 3parte.

In questo blocco sono numerose le conversazioni intercettate fra Pasquale Lonoce, il Luogotenente dei Carabinieri Tonino Bucci e Martino Tamburrano da cui è facile capre il modus operandi di questa cricca di faccendieri e tangentisti. Nelle intercettazioni compaiono anche telefonate con donne estranee alle indagini, ma che riportiamo essendo contenute nell’ordinanza di custodia cautelare, e quindi se di interesse della magistratura, lo sono anche per i nostri lettori

La nostra trasparenza di informazioni è utile ai lettori per essere completamente informati sui fatti accaduti, senza qualcuno riporti su siti web e giornaletti locali solo quello che vuole. La “cricca” a Taranto non opera solo negli affari sporchi e nella corruzione di pubblici ufficiali, ma anche attraverso coperture e connivenze di pennivendoli e markettari.




ESCLUSIVA: le carte integrali dell’inchiesta “Monnezzopoli”: la 2a puntata

ROMA – Il CORRIERE DEL GIORNO mantiene la sua linea di “trasparenza” pubblicando tutti gli atti dell’ordinanza di cautelare che hanno portato in carcere  Martino Tamburrano l’ex-presidente della Provincia di Taranto ed altre 6 persone, 4 delle quali sono finite in carcere  mentre altre 3 sono state poste agli arresti domiciliari, e che vede fra gli indagati  il sindaco di San Marzano di San Giuseppe Giuseppe Tarantino , il luogotenente dei Carabinieri  Antonio, per tutti Tonino Bucci (prossimo al congedo) ed i due finanzieri infedeli sospesi dal servizio, i marescialli Lacorte (originario di San Marzano di S. Giuseppe) e Marzella (originario di Massafra)  . La pubblicazione continua con il secondo “blocco” di 20 pagine.

Ordinanza TAMBURRANO 2parte

Anche il nostro giornale è entrato in possesso della relazione conclusiva della Guardia di Finanza alla Procura della Repubblica di Taranto, ma a differenza di qualche sprovveduto giornalista locale  (che per questo motivo è stato denunciato) noi non pubblichiamo alcun  stralcio di indagine quando è coperto dal segreto istruttorio. Non siamo abituati a fare i “primi della classe” come altri che si illudono poveretti… di esserlo.




ESCLUSIVA: Tutte le carte “integrali” dell’inchiesta Monnezzopoli: la 1a puntata

di Antonello de Gennaro

Ancora una volta il CORRIERE DEL GIORNO mantiene la sua linea di “trasparenza” pubblicando a partire da oggi tutti gli atti dell’ordinanza di cautelare che hanno portato in carcere  Martino Tamburrano l’ex-presidente della Provincia di Taranto ed altre 6 persone, 4 delle quali sono finite in carcere  mentre altre 3 sono state poste agli arresti domiciliari. Chiaramente data la mole di documenti la pubblicazione avverrà a “blocchi” di 20 pagine alla volte.

Questa iniziativa non vuole diventare o essere una gogna mediatica, ma soltanto una corretta informazione a 360gradi. Quando arriveremo ai fatti specifici, i documenti verranno commentati e spiegati ai lettori affinchè il gergo giudiziario sia comprensibile realmente per tutti.

Ordinanza TAMBURRANO 1parte

Ci corre obbligo ricordare a tutti i nostri lettori, che attualmente siamo in una fase d’indagine, che ha condotto l’ Autorità Giudiziaria ad un’ordinanza cautelare, per fronteggiare l’inquinamento delle prove che stava accadendo a causa di tre militari (un luogotenente dei Carabinieri e due marescialli aggiunti della Guardia di Finanza) e del noto imprenditore Antonio Albanese, proprietario del Gruppo CISA, anch’egli indagato, che secondo gli investigatori e la magistratura si era attivato per allarmare la “cricca” che girava intorno a Martino Tamburrano , facendo loro sapere di essere “ascoltati”, cioè intercettati, dai finanzieri.