Una donna uccisa a Parma, l’insulto della consigliera M5s: “lei se l’è cercata”

Una donna uccisa a Parma, l’insulto della consigliera M5s: “lei se l’è cercata”

Il post su Facebook di Rosanna Lau, delegata del sindaco “grillino” di Civitavecchia sulla 39enne massacrata di botte dal convivente di origini nordafricane. AGGIORNAMENTO: la lau si dimette da delegata ma non da consigliere comunale….

Schermata 2015-12-12 alle 14.30.00Un altra storia di malcostume del “popolo grillino” arriva da Civitavecchia, città guidata dal sindaco Cozzolino del M5S . La delegata del sindaco, e consigliere M5s Rosanna Lau, commentando sui social network della donna uccisa a Parma dal compagno circa una settimana fa, ha scritto venerdì un post , cancellandola dopo qualche ora, senza risucire a fare in tempo che lo screenshot girasse sui social, contenendo una sua grave e  volgare affermazione nei confronti della povera vittima:  “Se l’è cercata“.

Schermata 2015-12-12 alle 14.31.30

nella foto Rosanna Lau (M5S)

Una donna italia quarantenne – ha scritto nel suo post la Lau delegata del sindaco – intreccia una relazione con un tunisino di 26 anni. Lui l’ammazza come un cane. Non voglio vedere il suo nome nella lista delle ‘martiri’. Dire che se l’è cercata è il minimo. Se fosse sopravvissuta l’avrei insultata“. Il commento a dir poco volgare e farneticante della consigliera del M5s ha scatenato un’ondata di indignazione sui socialnetwork sul tema del rispetto delle vittime del femminicidio. Un crimine di sangue che ha scosso la città di Parma, teatro negli ultimi anni di molteplici casi di femminicidio. Il sindaco  di Parma, Federico Pizzarotti grillino della prim’ora, ma non “allineato” con il movimento, aveva commentato: “Un ennesimo caso di femminicidio che scuote le coscienze di tutti. Un atto tra i più vili e criminali verso il quale non ci può che essere una ferma condanna, e una forte presa di coscienza da parte della società“.

Rosanna Lau, la delegata del sindaco di Civitavecchia, non è nuova ad esternazioni insensate. Infatti sempre su Facebook , quando i sampietrini di via dei Fori Imperiali a Roma, sono stati sostituiti all’asfalto, aveva scritto: “Ma impiccateli tutti a Piazza Venezia“. E a proposito della città che amministra: “A Civitavecchia c’è la mafia che non spara, quella più subdola, quella che ha profonde radici, quella difficile da estirpare. Il 67% ha voluto il cambiamento, cittadini di tutte le forze politiche, cittadini onesti, poi c’è il 37% di persone che con la politica marcia ci hanno mangiato, ci mangiano e ci mangeranno con la forchetta d’oro. Questi sono il vero cancro di Civitavecchia i complici“, esternazioni offensive che avevano portato diversi esponenti politici a chiedere la revoca della delega alla Lau al sindaco Cozzolino .

La stessa analoga richiesta arriva oggi dalla deputata   Marietta Tidei (Pd) : “Il femminicidio costituisce una piaga dolorosa e inaccettabile: trovo allucinante che una delle delegate del sindaco M5S di Civitavecchia abbia scritto un post su Facebook dove giustifica questo fenomeno deprecabile, inneggiando al contempo al razzismo. Chiederò al sindaco Cozzolino di sollevare immediatamente la signora Lau dal suo incarico: mi auguro che di fronte a questo scempio la condanna sia unanime“. “Ciò che ha scritto – aggiunge – è di una gravità inaudita, rappresenta un’offesa inaccettabile, un attacco alle donne e al valore della vita: chi avvalla la violenza sulle donne deve essere allontanato dalle istituzioni, a cui spetta il compito di dare messaggi educativi, non certo quelli che oggi provengono dalla delegata del sindaco“.

Le dimissioniIl sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino, sulla sua pagina Facebook, ha stigmatizzato le frasi della consigliera, che intanto ha deciso di dimettersi. “Prendo le distanze da quanto erroneamente dichiarato dalla mia ex delegata alle problematiche del mercato Rosanna Lau – scrive CozzolinoRosanna, che è una brava persona e che in questa amministrazione ha lavorato a titolo gratuito nell’interesse della collettività, ha effettuato delle esternazioni che non possono neanche lontanamente essere condivise. Ognuno nel Movimento 5 Stelle si prende le responsabilità di ciò che dice a titolo personale ma tali frasi sono gravi e da stigmatizzare“. “La violenza è sempre da condannare, a prescindere dal colore e dalla razza di coloro che la commettono – aggiunge – Rosanna mi ha comunicato la sua intenzione di presentare le dimissioni lunedì ed io le accetterò, ringraziandola per quanto di buono fatto finora riguardo le problematiche del mercato“. Piccolo particolare. La Lau continua a fare il consigliere comunale ed a percepire il suo stipendio pubblico. Anche dal quel 37% di cittadini di Civitavecchia (che non hanno votato per il M5S) che aveva definito il vero cancro di Civitavecchia i complici

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !