La Polizia di Stato esegue 8 provvedimenti di fermo nei confronti della “Comitiva degli Orfanelli” di Manduria

ROMA – Ad esito delle indagini condotte dal pm dr. Remo Epifani della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Taranto, coordinate dal Procuratore Capo dr.  Carlo Maria Capristo, e della Procura della Repubblica per i Minorenni, guidata dalla Procuratrice Pina Montanaro, il personale della Polizia di Stato della Questura di Taranto ha dato esecuzione ad otto provvedimenti di fermo di “indiziato di delitto” nei confronti di altrettanti soggetti (6 minori di 17 anni e due maggiorenni  Gregorio Lamusta di 19 anni  ed Antonio Spadavecchia di 23 anni) ritenuti a vario titolo e gravemente indiziati in concorso dei reati di tortura, danneggiamento, violazione di domicilio e sequestro di persona aggravati. Altri sei minori restano indagati in stato di libertà.

I provvedimenti di fermo sono collegati  sulla triste vicenda che ha visto vittima il povero Antonio Cosimo Stano, il pensionato 65enne ex-dipendente dell’ Arsenale M.M. di Taranto deceduto lo scorso 23 aprile per “shock cardiogeno” presso il reparto di rianimazione dell’Ospedale Giannuzzi di Manduria.

L’uomo era diventato il divertimento della “baby gang”. Si piazzavano davanti la porta di casa sua e lanciavano pietre alle finestre, davano calci alla porta per aprirla, e lo picchiavano, filmando tutto e condividendone il video sul gruppo WhatsApp. Nel frattempo, tutti gli abitanti di Manduria sapevano di questa situazione, ma nessuno faceva nulla, interveniva per proteggere ed aiutare il povero pensionato.

Alcuni vicini di casa di Stano e anche Don Dario, parroco della Chiesa di Don Bosco ubicata proprio di fronte alla sua abitazione, avevano denunciato alle forze dell’ordine l’incubo che stava subendo l’uomo. Lo scorso 6 aprile, alcuni vicini di casa avevano allertato le forze dell’ordine perché non vedevano l’uomo da parecchi giorni. L’uomo era stato trovato dalla Polizia di Stato del commissariato di Manduria barricato dentro casa timoroso persino di aprile la porta ai poliziotti. Era stato immediatamente trasportato in ospedale dove è deceduto due settimane dopo il ricovero a causa dei traumi subiti dall’ultimo pestaggio. I vicini di casa udivano spesso anche le sue urla con richiesta di aiuto  in piena notte, provenire davanti alla sua abitazione , e per questo avrebbero sporto denuncia contro ignoti.

La finestra della casa di Antonio Stano, vittima di violenze da parte di una baby gang che lo aveva più volte assalito in casa 

“Tutti zitti, in un silenzio assordante“, così ha commentato il prefetto Vittorio Saladino, uno dei tre commissari prefettizi del Comune di Manduria, amministrazione comunale che è stata sciolta e commissariata  per infiltrazioni mafiose. “Se i bulli invece che con quel pover’uomo se la fossero presa con un cane, ci sarebbe stata la rivolta popolare. Stano è stato chiuso e isolato in una casa, in una strada, in una comunità: un essere umano che abitava davanti a una parrocchia lasciato solo. Il prete ha detto di essere intervenuto più volte, ma perché non ha segnalato subito ai servizi sociali?”. Parole pesanti come pietre che riecheggiano come un monito di fronte all’omertà dei manduriani. “Le colpe le ha una comunità distratta, chiusa – aggiunge il prefetto Saladinocoi giovani bombardati dai media e da episodi negativi”.

 

 

Pamela Massari maestra della scuola elementare dove alcuni dei ragazzi hanno studiato, , accusa le famiglie: “Questi ragazzini vivono in un contesto di impunità sin da piccoli grazie a genitori pronti a difenderli sempre e comunque, pur davanti a evidenze vergognose. Mamme e papà che si sentono in diritto di inveirti contro perché hai osato rimproverare l’alunno”. La madre di uno dei ragazzini il cui nome compare nell’inchiesta, intervistata dall’Adnkronos, ha detto: “Mi sento responsabile io dell’assenza di umanità dimostrata da mio figlio anche solo per aver condiviso un video girato da altri. In casa viviamo male, non dormiamo. “Perché?” mi chiedo, dove ho sbagliato? Non abbiamo mai fatto passare liscia a nostro figlio una marachella, una mancanza di rispetto, una parolaccia in casa. È stato sempre un ragazzino timido, all’apparenza ancora più piccolo della sua età. Perché mio figlio si è divertito anche solo a vedere quelle scene raccapriccianti?

 

Un 17enne membro della “comitiva degli orfanelli”,  ha ammesso che tutti perseguitavano Antonio Cosimo Stano, ma ha anche aggiunto che i loro genitori non sapevano assolutamente nulla di quello che facevano quando erano fuori casa e che, soprattutto, nulla sapevano del fatto che importunassero pesantemente l’uomo. Una delle madri dei membri del branco, in lacrime, ha dichiarato di vivere il proprio “fallimento come genitore” non essendo stata capace di inculcare al figlio l’abisso di differenza e valori intercorrente tra il bene ed il male. Al contrario di un altra madre che invece giustificava il proprio figlio perchè” i ragazzi a Manduria non hanno niente da fare“.

Le misure cautelari adottate sinora non comprendono l’ipotesi di “omicidio preterintenzionale” in quanto la Procura di Taranto è in attesa del attende il responso dal medico legale Liliana Innamorato sull’autopsia eseguita per stabilire l’eventuale connessione di causalità tra le violenze subite ed il decesso, o se le percosse abbiano aggravato lo stato di salute di Stano al punto tale da cagionarne il decesso.
L’intervento della Polizia di Stato è avvenuto a seguito di una denuncia,  la prima ed unica  inoltrata al Commissariato di Manduria nonostante la popolazione del paese sapesse da tempo che il povero pensionato Stano era vittima di violenze e soprusi da parte della baby-gang. Come confermato dalla circostanza che i video girati dai ragazzini e diffusi tramite due chat – “Gli orfanelli” ed “Arancia meccanica”  stati condivisi e commentati  in realtà siano  anche da altre persone, compresi molti adulti, come è emerso dai primi riscontri investigativi sui telefoni sequestrati ai quattordici indagati.
L’ ufficio stampa centrale della Polizia di Stato ha diffuso da Roma,  tre  dei video delle aggressioni compite dalla baby gang  di Manduria al 66enne Antonio Stano, nelle cui immagini riprese dallo smartphone di uno dei gli indagati, il pensionato cercava di difendersi gridando “Polizia“, “Carabinieri“, mentre i farabutti divertiti lo deridevano cercando di colpirlo con calci al corpo. E tutto ciò nell’indifferenza del vicinato che non poteva non sentire.

Nel corso della conferenza stampa odierna tenutati questa mattina la procuratrice capo della Procura dei minori di Taranto,  dr.ssa Pina Montanaro, ha evidenziato che “la violenza è figlia di un uso distorto del web per esaltare, condividere, diffondere le loro nefandezze. La violenza aumentava in maniera esponenziale contemporaneamente alla diffusione dei video sul web” aggiungendo “Stano invocava aiuto e le sue urla sono rimaste inascoltate. –  ha aggiunto la Montanaronon spetta a noi affermare se Manduria è stata omertosa non è compito nostro giudicare ma riscontriamo che non c’è stato controllo sociale“.
A sua volta dr. Carlo Maria Capristo  Procuratore capo della Procura della repubblica di Taranto, ha commentato “Chi ha visto, chi ha sentito, non ha avuto la sensibilità di lanciare l’allarme” spiegando che  “Il nostro lavoro è solo all’inizio. Una prima risposta a cui seguiranno ulteriori indagini approfondite. Non lasceremo nulla al caso, compresi i silenzi che a volte uccidono” aggiungendo “Una piaga sociale in crescita esponenziale, quella delle baby gang. Da Taranto a Milano a Roma si registrano episodi di aggressione. E per viittime barboni, immigrati, giovani coppie



Baby gang a Taranto sequestra un anziano in casa e lo picchia a morte

ROMA – L’anziano uomo 66enne, Antonio Stano di Manduria (Taranto), ex dipendente dell’Arsenale M.M. , soffriva di disagio psichico, era stato costretto a rinchiudersi in casa e a non alimentarsi per giorni è deceduto tre giorni fa in ospedale, in seguito alla feroce violenza subita.  Una “baby-gang” composta da 14 giovanissimi, 12 dei quali minorenni, alcuni dei quali come si suol dire “di buona famiglia” che ora sono indagati avrebbero prima assaltato più volte la casa dell’ uomo, per rapinarlo ed aggredirlo. Poi, nel corso dell’ultimo assalto, lo avrebbero segregato in casa e picchiato a sangue fino ad ucciderlo.

A soccorrere il pover’uomo sono stati gli agenti  della Polizia di Stato del Commissariato  di Manduria (Taranto) , lo scorso 6 aprile  chiamati ad intervenire sul posto dai vicini di casa , che lo hanno trovato legato a una sedia.  I baby criminali non solo lo avrebbero seviziato e picchiato a sangue , ma addirittura avrebbero anche girato alcuni video fatti messi in circolazione su Whatsapp, che sono adesso al vaglio degli investigatori.

I particolari che parlano di crudeli violenze vengono descritti dal quotidiano online  “La Voce di Manduria” diretto dal nostro amico e caro collega Nazareno Di Noi , che parla di abusi commessi in stile “Arancia Meccanica“. Il pensionato manduriano  che sembra avesse problemi psichici, pare che da tempo fosse finito nelle mire di quel gruppo di ragazzi, lo chiamavano “il pazzo del Villaggio del Fanciullo“, dal nome dell’oratorio che si trova proprio davanti alla casa dell’uomo. Uno degli educatori dell’oratorio Roberto Dimitri, racconta  su Facebook  di come personalmente avesse “ripreso tante volte i ragazzi che bullizzavano il signore, chiamato le forze dell’ordine e chiamando i genitori, ma senza risultati“. Ora  aggiunge “provo dispiacere per l’uomo, ma anche per i ragazzi che, ahimè hanno perso l’occasione di vivere serenamente la propria età come tanti altri. Mi piacerebbe che da queste occasioni i centri come l’oratorio, le strutture di aggregazione sociale, potessero avere una rivalutazione da parte delle famiglie che devono sentirsi scomodate nel bene e per il bene dei propri figli“.

L’anziano uomo si era barricato in casa in stato di indigenza e degrado, letteralmente in stato di terrore a seguito delle reiterate rapine ed di violenza subìti. Per paura non voleva aprire la porta di casa neanche agli agenti del commissariato di P.S. di Manduria, che si sono dovuti impegnare a fondo per farsi aprire la porta e convincerlo che erano lì soltanto per aiutarlo. Gli agenti hanno chiesto l’intervento sul posto del personale del 118 e con grande spirito umanitario si sono preoccupati di acquistare acqua e qualcosa da mangiare per il pensionato 66enne  il quale si è rifiutato di mangiare. nonostante i ripetuti appelli ed inviti, probabilmente deciso ormai a lasciarsi morire.

foto tratta dal quotidiano La Voce di Manduria

Durante l’intervento di soccorso all’anziano, i poliziotti sono riusciti a farsi raccontare le diverse rapine subite durante il mese di marzo da parte di un gruppo di giovani delinquenti locali privi di alcuno scrupolo che gli avrebbero sottratto anche 300 euro in contanti. A seguito del suo ricovero presso l’ Ospedale Giannuzzi di Manduria , le sue condizioni sono peggiorate, venendo sottoposto a due interventi chirurgici per ferite interne all’addome.

Immediatamente sono scattate le indagini ed i sospetti si sono subito concentrati intorno a una banda composti da ragazzi, nati per la maggior parte tra il 2001 e il 2002. Gli agenti della Polizia hanno ascoltato anche i vicini di casa, i quali hanno confermato le circostanze che alcuni giovanissimi si erano introdotti in casa dell’anziano in più occasioni  per derubarlo e  quindi come si è scoperto sottoporlo a violenze e sevizie. Gli investigatori hanno sequestrato i cellulari dei ragazzi e alcuni indumenti che adesso sono al vaglio della Polizia Scientifica.

Il procuratore capo della Repubblica presso il Tribunale dei minori di Taranto dr.ssa Pina Montanaro ed il pubblico ministero dr. Remo Epifani della Procura della Repubblica jonica,  hanno aperto dei fascicoli d’indagine per i reati di omicidio preterintenzionale, stalking, lesioni personali, rapina, violazione di domicilio e danneggiamento. E stato affidato l’incarico al medico legale di Bari dr.ssa Liliana Innamorato di svolgere tutti gli accertamenti ed esami del caso per fare luce sulle cause che hanno portato al decesso dell’uomo dopo 18 giorni di agonia.  L’esame potrebbe essere eseguito già oggi stesso nell’obitorio dell’ospedale di Manduria dove si trova la salma.

L’esame autoptico accerterà se la morte del sessantaseienne è stata causata dai traumi subiti ripetutamente dall’uomo o dall’esito di fattori patologici propri, magari aggravati dallo stato di profonda prostrazione in cui era caduta la vittima costretta a non uscire da casa per timore di incontrare i suoi aguzzini.I due indagati maggiorenni, L.G. di 19 anni e A.S. di 22, sono rispettivamente difesi dai legali  Armando Pasanisi il primo e da Lorenzo Bullo e Gaetano Vitale il secondo. Il collegio difensivo dei minorenni è invece composto dagli avvocati Davide Parlatano, Antonio Liagi, Cosimo Micera, Antonio Carbone, Lorenzo Bullo e Dario Blandamura.

Il vice premier e ministro dell’ Interno  Matteo Salvini (Lega), apprendendo della notizia del 66enne di Taranto che sarebbe stato picchiato a morte da una banda di giovanissimi, ha commentato “Se confermati colpevoli, pene esemplari per tutti, anche per i minorenni, che devono essere trattati (e puniti) come tutti gli altri. Di fronte a simile violenza, per me non esiste la distinzione fra minorenni e maggiorenni“. Sulla stessa linea anche il Vicepremier e Ministro Luigi Di Maio (M5S) che in una nota dice ” Bullizzato, rapinato, segregato in casa e picchiato fino alla morte. È inaccettabile quanto successo al 66enne di Manduria, un fatto vergognoso che non può passare in secondo piano. La morte di Antonio deve farci capire che la sicurezza dei nostri cittadini deve essere la priorità di questo Governo. E dobbiamo lavorare per garantire maggiore sicurezza anche ai nostri anziani, troppo spesso abbandonati. Una cosa è certa: questi soggetti la pagheranno“.

Speriamo che non siano solo slogan di campagna elettorale.