Matera 2019. Al via intesa fra le Camere di commercio di Matera, Bari e Taranto

 

Matera 2019″ con una marcia in più per portare valore aggiunto e dinamicità al sistema produttivo locale, grazie a una intesa sottoscritta dal presidente delle Camere di commercio di Matera, Angelo Tortorelli, dalla Camera di Bari Alessandro Ambrosi e di Taranto Luigi Sportelli alla presenza dei rispettivi segretari generali Luigi Boldrin, Angela Patrizia Partipilo e Francesco De Giorgio e del Presidente della Consulta dei giovani imprenditori della Camera di Commercio di Bari, Sergio Ventricelli. Sarà un comitato tecnico di indirizzo, a definire e ad attivare opportunità di collaborazione tra gli operatori economici lucani del Materano e della Puglia e che sarà composto dai rappresentanti degli enti camerali e del sistema imprenditoriale dei tre territori, . Il protocollo di intesa prevede che la Camera di commercio di Matera fornisca alle Camere di Bari e Taranto le informazioni sulle attività che ha messo in campo per la realizzazione del programma di avvicinamento all’appuntamento di Matera 2019. I tre enti camerali definiranno e promuoveranno un programma congiunto finalizzato sia ad indirizzare il flusso turistico nazionale ed estero anche attraverso educational tour su luoghi di interesse, sia ad incentivare opportune forme di collaborazione tra imprese dei rispettivi territori. L’intesa prevede, inoltre, l’organizzazione di momenti pubblici per illustrare le iniziative programmate e le intese definite in vista di Matera 2019.

Schermata 2015-11-23 alle 19.24.50

Il protocollo d’intesa ha già individuato la realizzazione di progetti comuni tra i quali “Mirabilia”, che vede Matera capofila e coinvolge, Bari e Taranto, mettendo in rete i siti Unesco di città italiane e straniere. Quest’anno il programma è particolarmente importante per le opportunità di promozione legate all’anno italiano in Giappone. Le altre iniziative riguardano un progetto comunitario nell’ambito del primo bando del programma Interreg Mediterranean,  interventi legati alla filiera turistica da crociera, che interessa i porti pugliesi e che ha come effetto l’incremento di flussi turisti che visitano Matera, attività legate alla promozione di prodotti tipici, in particolare nel settore dell’agroalimentare e dell’artigianato. “ La sottoscrizione dell’intesa –ha detto Angelo Tortorelli il presidente della Camera di commercio di Matera, – rappresenta una fase importante nell’attività di promozione e di creazione di opportunità per Matera, capitale europea della cultura per il 2019. La stretta e proficua collaborazione con le Camere di commercio di Bari e Taranto, rafforza un percorso già avviato tra economie e territori contingui che intendono valorizzare e promuovere ulteriormente settori importanti legati al turismo, all’enogastronomia,al commercio, ai servizi, alla produzione, alla logistica. Integrazione e sinergia tra i territori sono il presupposto per coinvolgere anche altre realtà tra le opportunità di Matera 2019’’.

Il presidente della Camera di commercio di Bari, Alessandro Ambrosi nel ribadire le opportunità legate a Matera capitale europea della cultura ha detto che la sinergia avviata dai tre enti camerali è un valido esempio di operatività per la promozione dei territori e del Mezzogiorno. “ Ci sono progettualità – ha detto  Ambrosi come Mirabilia che ci vede coinvolti, ma anche Tif 2.0, shop and ship, legato ai Qr code e ad altre opportunità dei fondi europei sulle quali lavorare. Bari ha infrastrutture di accoglienza e dei trasporti che possono essere un hub per Matera. Sono certo che Matera 2019 sarà un successo per l’Italia come lo è stato Expo 2015’’.

Ha parlato di logistica e di turismo, legato a rapporti storici, culturali ed economici, con Matera, il Cav.Luigi Sportelli presidente della Camera di commercio di Taranto  “ Le province di Matera e di Taranto – ha detto  Sportelli hanno rapporti e attrazione reciproche. L’arrivo di flussi crocieristici con navi di diversa stazza, che potranno approdare in mar Piccolo e quindi in centro, rappresentano una opportunità per le nostre comunità e per le nostre imprese. Quando i progetti messi in campo, come quelli indicati nel protocollo, sono validi e si lavora insieme hanno credibilità, forza e opportunità per trovare risorse e avere successo’’.

Sergio Ventricelli, presidente della consulta dei giovani imprenditori di Bari, che ha auspicato e lavorato insieme ai tre enti camerali per giungere al protocollo d’intesa, ha parlato di occasione irripetibile. “Mettiamo da parte le vergogne del Sud – ha detto VentricelliMatera 2019 è l’occasione per riscrivere con dinamismo, creatività e fattività la storia del Mezzogiorno utilizzando appieno le potenzialità del sistema camerale’’. E di dinamismo ha parlato il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, che ha apprezzato l’azione catalizzatrice delle Camere di commercio e il dinamismo del presidente dell’ente camerale Angelo Tortorelli. “ La sfida di Matera 2019 – ha detto il sindaco De Ruggieriè nel costruire un modello di Mezzogiorno che funzioni. Un Sud che non si lamenta, che lavori a una qualità progettuale per andare avanti, per un piano di sviluppo territoriale che ha nelle Camere di commercio un alleato forte. Le risorse, quando ci sono qualità, programmazione, si trovano e questo contribuisce a chiudere il cerchio sulle opportunità di ripresa e di promozione dei nostri territori’’.




Con Mirabilia risplende Taranto, capitale della Magna Grecia

Un’importante vetrina che avrà il suo momento clou oggi e domani con lo svolgimento della IV Borsa Internazionale del Turismo Culturale che si tiene a Lipari (Me) in occasione della quale si svolgeranno workshop e incontri business to business. Gli incontri sono riservati agli imprenditori del settore (tour operator, agenzie di viaggio, albergatori, agenzie di incoming) operanti nei territori che possono vantare la candidatura o la titolarità di un sito Unesco e ai buyers (operatori incoming, decision manager, buyers luxury travel, giornalisti, opinion leader) provenienti dai Paesi Ue, Russia, Usa, Giappone, Canada, Cina, Sud Africa e Israele.

Cav. Luigi Sportelli

nella foto, il Cav. Luigi Sportelli

“Taranto – spiega il cav. Luigi Sportelli, presidente della Camera di commercio di Taranto – partecipa in maniera importante e convinta a Mirabilia European Network of Unesco Sites. La nostra Camera di commercio è, infatti, uno dei dodici partner del progetto di cui è capofila l’ente camerale di Matera ed ha contribuito alla realizzazione della brochure che sarà distribuita durante la Borsa del Turismo Culturale e nei maggiori circuiti turistici nazionali ed internazionali”.

Nella sezione dedicata a Taranto, curata dall’ area promozione della Camera di commercio di Taranto, vengono indicati e presentati innanzitutto i due monumenti messaggeri di una cultura di pace dell’Unesco: il ritratto di Augusto velato custodito nelle splendide sale del Museo Archeologico Nazionale MarTa, e la basilica di San Martino di Martina Franca. La provincia ionica vanta anche due candidature Unesco nei percorsi “Via Appia Regina Viarum” e “Salento Barocco”. La brochure fornisce brevi, ma significativi cenni storici su Taranto e la sua provincia, soffermandosi sul patrimonio artistico e storico, sulle bellezze paesaggistiche e naturalistiche, sulle eccellenze enogastronomiche e sulle tradizioni. Vengono suggeriti percorsi turistici che propongono escursioni in mare per l’avvistamento dei “delfini di Taranto”, gite su caratteristiche imbarcazioni a bordo delle quali degustare pesce appena pescato, visita delle gravine di Castellaneta e Laterza e dell’Oasi paesaggistica del Wwf Palude La Vela.

Schermata 2015-10-13 alle 00.46.40Temi ripresi nel video nel cui commento musicale è stato utilizzato anche un brano del noto compositore tarantino Giovanni Paisiello, prodotto dalla Camera di commercio di Taranto che sarà proiettato durante la Borsa del Turismo di Lipari e che arricchirà la dotazione promozionale dell’Ente ionico.

La versione 2015 della brochure è stata aggiornata con le nuove Camere che quest’anno hanno deciso di aderire alla rete: Bari, Chieti, Lecce, Siena e Taranto e con nuovi percorsi fra territori contigui: Nord Est (Udine), Nord Ovest (Genova e La Spezia), Centro (Perugia, Siena, Chieti), Sud Est (Bari, Matera, Taranto, Brindisi e Lecce) e Sud Ovest (Messina).

Schermata 2015-10-13 alle 00.47.06Alla Borsa Internazionale del Turismo Culturale parteciperanno alcune aziende della provincia di Taranto che avranno così l’occasione di farsi conoscere ed apprezzare da un vasto e qualificato parterre di addetti ai lavori. Mirabilia è una grande occasione – aggiunge il presidente Sportelli – per portare il nostro territorio su una ribalta internazionale e di qualità. Un progetto giunto già al quarto anno consecutivo che vede protagonista la vicina Camera di Commercio di Matera con la quale abbiamo in corso altre importanti iniziative per utilizzare al meglio la visibilità offerta dall’appuntamento con il 2019. Il nostro Paese, il Mezzogiorno, la Puglia devono puntare e investire sul turismo e sulla promozione culturale come leve fondamentali di un nuovo percorso di sviluppo, come già da tempo fa la Camera di commercio di Taranto con diverse attività: da Medita dedicato alla valorizzazione della dieta mediterranea, a Siaft rivolto alle realtà produttive enogastronomiche dell’area centro-meridionale, fino a Eccellenze in digitale quest’anno incentrato proprio su turismo e alimentazione”.

 

 

Secondo Francesco De Giorgio, Segretario generale della Camera di Commercio di Taranto “è importante che la provincia ionica sia entrata nel network di Mirabilia, una rete che promuove turismo culturale e di qualità ideata, voluta e realizzata dal sistema camerale che conferma la sua grande attenzione alla promozione del territorio in un momento in cui il turismo italiano, dopo una fase di impasse, sta riconquistando posizioni in ambito internazionale”.

Sul sito www.mirabilianetwork.eu sono reperibili tutte le informazioni sul progetto ed il materiale promozionale.

 




Le Camere di Commercio partecipano alla “rete” Unesco per un turismo culturale di qualità

 

I viaggiatori offrivano nell’antichità  utili indicazioni ai pellegrini diretti alla città eterna sulle località incontrate durante il percorso attraverso guide pratiche chiamate “Mirabilia Urbis Romae”. Ed il progetto Mirabilia – European Network of Unesco Sites, finalizzato alla valorizzazione dei territori riconosciuti dall’Unesco, trae ispirazione  da questa tradizione

Schermata 2015-09-09 alle 02.40.52L’iniziativa è nata nel 2012 ad opera della Camera di Commercio Matera, che ricopre tutt’oggi il ruolo di “capofila”, con cinque Camere pilota, salite a nove nel 2013 e ora arrivate a undici. Gli obiettivi sono: la valorizzazione dei territori e delle loro peculiarità culturali ed enogastronomiche; la creazione di strumenti di promozione e network di imprese per la definizione di prodotti turistici integrati rivolti ad un pubblico mondiale. Il progetto è giunto alla quarta edizione ed è attuato, in rete, dalle Camere di Commercio di Bari, Brindisi, Genova, La Spezia, Lecce, Matera, Messina, Perugia, Siena, Taranto, Udine. La provincia ionica partecipa con il Ritratto di Augusto velato (nella foto a destra) , esposto al Museo MarTa e con la Basilica di San Martino di Martina Franca (sotto nella foto), entrambi dichiarati dall’UnescoMonumenti messaggeri di una Cultura di Pace“.

Diverse le peculiarità di Mirabilia tra cui quelle di proporre un’Italia diversa, meno battuta dal turismo di massa in favore di una dimensione più umana in cui l’accoglienza e l’attenzione ai visitatori siano tratti imprescindibili e di mettere in collegamento aree accomunate dall’importanza storica, culturale ed ambientale con l’obiettivo di aumentarne la riconoscibilità.

Schermata 2015-09-09 alle 02.41.03Il progetto prevede diversi momenti di promozione sui mercati esteri ed un evento di portata internazionale in Italia, durante il quale si realizzano incontri business to business fra l’offerta delle 11 destinazioni e la domanda dei grandi buyer turistici internazionali, selezionati da TTG Italia. Dopo gli appuntamenti di Lerici (2012), Matera (2013) e Perugia (2014) la Borsa internazionale del turismo culturale si svolgerà il 12 e 13 ottobre 2015, a Lipari in Provincia di Messina, nelle Isole Eolie sito UNESCO dal 2000.

“Per la provincia jonica – commenta il Cav. Luigi Sportelli presidente della Camera di commercio di Taranto,  – si tratta di un’occasione di grande importanza perché inserisce il nostro territorio in un circuito turistico internazionale di qualità. Lo scopo principale di Mirabilia è, infatti, quello di creare una rete di imprese turistiche (strutture ricettive, tour operator, aziende high tech, etc.) che offra proposte progettuali complete di prodotti e servizi in grado di migliorare la promozione territoriale, la ricettività nei luoghi sede di siti riconosciuti dall’Unesco e dei territori di competenza delle Camere di Commercio partner del progetto”.

In tal senso le aziende o le aggregazioni di aziende, potranno avanzare la loro candidatura per la costituzione di una rete formale di imprese (ex decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5 e s.m.i.) con l’obiettivo principale di: commercializzare sul mercato nazionale e internazionale i pacchetti turistici integrati Mirabilia; far apprezzare e conoscere i territori delle Camere di Commercio partner Mirabilia; creare il circuito commerciale delle strutture ricettive/di incoming partecipanti alle iniziative di Mirabilia ed aderenti alla costituenda rete di imprese; adeguare i prodotti Mirabilia esistenti alle nuove esigenze del consumatore nazionale ed internazionale.

“L’esperienza di Mirabilia – spiega il dott. Francesco De Giorgio  Segretario generale della Camera di commercio di Taranto, è la dimostrazione di come si possa fare sistema mediante la capillare rete delle Camere di commercio, utilizzando e ottimizzando risorse umane e finanziarie per valorizzare in concreto il patrimonio culturale. Un’occasione di promozione, di rilancio turistico per il territorio, di business per le aziende cui chiediamo di avanzare la loro candidatura contribuendo in maniera attiva e dinamica alla creazione del programma di rete”.

Le aziende interessate possono proporre la propria candidatura alla Camera di commercio di Taranto entro il prossimo 15 settembre mediante invio del modulo di adesione a: Camera di commercio di Taranto – Area economico promozionale – area.promozione@ta.legalmail.camcom.it Tutte le informazioni sul progetto sono disponibili chiaramente anche sul sito della Camera di commercio di Taranto: www.camcomtaranto.gov.it




Bes, benessere equo e sostenibile. Uno strumento utile per programmare un futuro a Taranto

 

Aprendo questa mattina la conferenza stampa di presentazione del workshop “Bes, Benessere equo e sostenibile. Il nuovo indicatore per misurare e valutare il progresso di una società e pianificarne il suo futuro” che si svolgerà giovedì 14 maggio 2015, alla Cittadella delle imprese,   il Presidente della Camera di Commercio, Cav. Luigi Sportelli ha detto che “Il Benessere equo e sostenibile è un nuovo indicatore realizzato da Istat e Cnel che consente di fotografare con precisione la condizione dei cittadini del nostro Paese e dei vari territori. La sua utilità è duplice perché può essere utilizzato sia in fase di programmazione, sia per verificare l’efficacia degli strumenti messi in campo. Per questo la Camera di commercio, attraverso l’Agenzia di Sviluppo, utilizzerà il Bes per pianificare il futuro del Sistema Taranto. Il Bes sarà, inoltre, uno degli indicatori che saranno considerati nelle prossime Giornate dell’Economia”.

Schermata 2015-05-12 alle 17.11.50E ‘intervenuto alla conferenza stampa anche  l’on. Domenico Amalfitano, Presidente del Centro di Cultura Lazzati,  il quale ha sottolineato che “Il lavoro svolto da Istat e Cnel è di grandissimo pregio ed è un modello imitato da molti altri paesi del mondo. Il Bes verifica i valori costituzionali e ci piacerebbe se i suoi vari indicatori diventassero un concreto strumento di programmazione”. Da qui l’appello alle Istituzioni locali rivolto da Vincenzo Mercinelli, direttore del Centro di Cultura Lazzati. “La nostra – ha spiegato – è una sollecitazione per innescare la ripartenza del territorio ionico attraverso una concreta programmazione strategica”.

La scelta di Taranto per parlare di Benessere equo e sostenibile, infatti, non è casuale” ha ricordato il Segretario generale della Camera di commercio ionica, Francesco De Giorgio.Nella nostra città – ha aggiunto – si è manifestato in maniera evidente il divario tra le componenti di benessere sociale e sostenibilità e quelle produttive”.

Il workshop è organizzato dalla Camera di commercio di Taranto con il supporto di Azienda Speciale Subfor, in collaborazione con il Centro di cultura Lazzati dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e con l’adesione dell’Università di Bari-Dipartimento Jonico in Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo e dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Taranto.

Interverranno il presidente della Camera di commercio di Taranto Cav. Luigi Sportelli, il presidente del Centro di cultura Lazzati on. Domenico Amalfitano, la direttrice del Dipartimento Istat per le statistiche sociali e ambientali dott.ssa Linda Laura Sabbadini, Gabriele Olini dell’Ufficio studi Cisl e componente della Consulta Cnel-Istat sugli indicatori di progresso e benessere. L’inizio dei lavori è previsto per le 17.30 del 14 maggio 2015, nella Sala Monfredi della Cittadella delle Imprese. La partecipazione al workshop dà diritto a crediti formativi ODCEC.




Concorso Camera di Commercio. Assoluzione per tutti: per il Tribunale nessun reato. La Procura farà appello ?

Tutti assolti gli imputati del processo richiesto  per la selezione del nuovo segretario generale della Camera di Commercio di Taranto che si svolse nel 2011. Assolti “perchè il fatto non sussiste” . E’ quanto ha deciso ieri la giuria presieduta dal dr. Petrangelo, del tribunale  collegiale del capoluogo jonico (giudici a latere dr.ssa Agnese Di Battista e dr. Ivan Madaro) ,  mettendo fine ad una lunga vicenda giudiziaria, incredibilmente senza alcun responsabile dei reati ipotizzati dalla procura della repubblica tarantina.

Luigi Sportelli

nella foto il presidente della CCIAA  Luigi Sportelli

Gli imputati erano stati chiamati a rispondere di “tentativo di abuso d’ufficio (con desistenza volontaria)”, con un rinvio a giudizio richiesto nel maggio del 2014 dal Gup del tribunale del capoluogo jonico, Valeria Ingenito,  a carico dell’attuale  presidente dell’ente camerale, Luigi Sportelli, e degli altri membri della commissione esaminatrice: Leonardo Giangrande (presidente in carica della Confcommercio Taranto) , i consiglieri Paolo Nigro e Riccardo Caracuta, ed il rappresentante di Unioncamere, Ugo Girardi , ed il dr Tommaso Valentino designato il 5 settembre del 2011 quale vincitore del concorso, il quale per ironia della sorte attualmente è l’attuale dirigente capo della cancelleria del tribunale tarantino.

In un primo momento il pubblico ministero dr. Remo Epifani propose al gip  l’archiviazione del procedimento, sostenendo che quanto esposto dal Falcone riguardo delle avvenute irregolarità (a suo dire) nelle procedure di selezione per l’incarico di segretario generale della Camera di Commercio non giustificavano un necessario  approfondimento di indagini ma al limite indicava l’eventuale ricorso al competente giudice amministrativo (Tar n.d.r.) .

Leonardo Giangrande

Leonardo Giangrande, presidente Confcommercio Taranto

Falcone che era assistito all’epoca dei fatti dall’avvocato Ludovica Coda si oppose alla richiesta di archiviazione del pm Epifani, documentando al Gip degli elementi ritenuti utili al punto tale da indurlo a rigettare la richiesta di archiviazione del pubblico ministero che riteneva che quanto segnalato da Falcone riguardo la presenza di irregolarità nelle procedure di selezione per l’incarico di segretario generale della Camera di Commercio non era meritevole di approfondimento investigativo ma al limite di ricorso al competente giudice amministrativo, cioè il Tar. Il gip Rosati riteneva, infatti, che nel caso in questione “a fronte di specifiche circostanze di fatto, seppure in parte rappresentate sulla base di notizie generiche e da fonti anonime, non è stata operata alcuna verifica, sebbene delle circostanze, allo stato in astratto, potrebbero essere rivelatrici di comportamenti suscettibili di rilevanza penale“.

Di qui la riapertura delle indagini, che hanno indotto la procura a mettere sotto accusa i consiglieri della CCIAA di Taranto Sportelli, Giangrande, Caracuta, Nigro, ed il rappresentante inviato dall’ Unioncamere Girardi, nella qualità di componenti della commissione esaminatrice per la selezione del segretario generale della Camera di Commercio, sostenendo che avevano favorito il candidato Tommaso Valentino attribuendogli un voto alla sua laurea, superiore a quello attribuito ad un candidato che aveva riportato un voto di laurea superiore, ed assolutamente identico a quello di un altro candidato che pure aveva ottenuto un voto di laurea superiore a quello conseguito dal Valentino, consentendogli di accedere alla successiva fase del concorso.

La prova orale venne sostenuta da Valentino a luglio. La delibera venne però poi revocata in autotutela a seguito dell’esposto per “sovrabbondante valutazione dei titoli” posseduti da Valentino, che venne presentato dall’ex commissario dell’ente, Roberto Falcone atto dal quale  prese origine la contestazione di reato tentato e non consumato. Un caso complesso, per il quale vi fu un ricorso anche al Tar da parte del candidato risultato vincitore, vale a dire proprio Tommaso Valentino, che non ha mai rivestito l’incarico.

Nel processo l’attuale segretario generale dr. Francesco De Giorgio, si era costituito “parte civile” assistitto dall’ avv. Raffaele Errico , che aveva richiesto un risarcimento di 250mila euro.

Con l’assoluzione disposta oggi dal tribunale – ha dichiarato Luigi Sportellisi chiude una lunga ed incresciosa vicenda nella quale sono stato, mio malgrado, coinvolto a seguito dell’adempimento di attività riguardanti il mio ruolo di presidente della Camera di Commercio di Taranto. L’attento esame dei fatti condotto dalla Magistratura – aggiunge  Sportellinel cui operato ho sempre riposto piena fiducia, ha consentito di ricostruire con obiettività l’accaduto. Sono soddisfatto dell’esito del procedimento, nel corso del quale ho sempre mantenuto la consapevolezza di aver agito con quell’integrità che gli stessi giudici hanno avvalorato”.

Ogni ulteriore commento sarebbe inopportuno. – prosegue il presidente SportelliMa, ugualmente, non nascondo che la sentenza restituisce serenità personale e, prima ancora, istituzionale, conferendo rinnovato slancio alle azioni a favore dello sviluppo del territorio in cui è impegnato l’Ente che rappresento. Vengono cancellati, infatti, sospetti ed ombre sull’attività amministrativa della Camera di Commercio di Taranto ed è, forse, questo l’aspetto più rilevante e verso il quale maggiore era la mia premura”.

Incredibilmente tutto ciò si è rivelato un processo inutile, che ha disperso risorse economiche pubbliche e private. A breve pubblicheremo gli atti integrali del processo per capirne di più ma sopratutto per aiutare i cittadini di Taranto a capire cosa era successo a suo tempo, mentre attendiamo le motivazioni della sentenza di assoluzione che sicuramente faranno più luce sulle ombre attuali. Resta da capire e vedere a questo punto cosa farà la Procura della Repubblica di Taranto ed il pm Remo Epifani, che sono di fatto i veri “sconfitti” dal verdetto del processo di primo grado appena conclusosi. Faranno appello ? O forse si chiuderà tutto a tarallucci e vino come spesso accade a Taranto ?