Stop ai fax pubblicitari non richiesti

Stop ai fax pubblicitari non richiesti

Con sentenza 24 giugno 2014 n. 14326 la II Sezione civile della Suprema Corte di Cassazione ha statuito che le comunicazioni promozionali inviate per fax, perché possano essere considerate essere lecite, devono essere accompagnate dal consenso dell’interessato (titolare del fax) da acquisire previa idonea informativa prima che le stesse siano inviate e non successivamente alla ricezione del fax che le contiene. L’invio della comunicazione promozionale privo del previo consenso costituisce due profili di illecito amministrativo, sia per omessa informativa sul trattamento dei dati personali; sia per non assentita comunicazione automatizzata.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !