Risultati elezioni comunali: cresce il centrodestra trainato dalla Lega, il M5s soffre. Centrosinistra bene a Brescia

Risultati elezioni comunali: cresce il centrodestra trainato dalla Lega, il M5s soffre. Centrosinistra bene a Brescia

ROMA –  Quasi sette milioni gli italiani che si sono recati ieri  urne delle elezioni amministrative per eleggere i sindaci di 761 comuni, di cui 20 sono capoluogo: Ancona, Avellino, Barletta, Brescia, Brindisi, Catania, Imperia, Massa, Messina, Pisa, Ragusa, Siracusa, Siena, Sondrio, Teramo, Terni, Trapani, Treviso, Vicenza, Viterbo, che vedono la Lega ed il centrodestra  in netto vantaggio. Un risultato non troppo felice per il Pd, che si rivela in crisi anche nelle città solitamente considerate delle “roccaforti” del centrosinistra. Il Movimento 5 stelle, a tre mesi dal successo alle politiche, pur conquistando il ballottaggio in alcuni comuni, senza mai essere in pole position, non gode dell’ “effetto Governo” in nessuna città.

Il centrosinistra è avanti ad Ancona,  unico capoluogo di regione dove si è votato per eleggere il sindaco e il Consiglio comunale. La sindaca Pd uscente Valeria Mancinelli è in vantaggio, con oltre il 40%, sugli altri competitors e se la vedrà al ballottaggio con il candidato civico sostenuto dal centrodestra Stefano Tombolini. Con Emilio Del Bono il centrosinistra conquista Brescia senza dover andare al ballottaggio mentre il Movimento Cinque Stelle perde molti   consensi e si ferma sotto il 6%. Ballottaggio  a due a fine giugno ad Avellino dove il candidato del centrosinistra Nello Pizza dovrà affrontare Vincenzo Ciampi del M5S.

Cosimo Damiano Cannito

In Puglia a Barletta ha già il suo nuovo sindaco eletto al primo turno prevale Mino Cannito primario del pronto soccorso e responsabile del dipartimento emergenza urgenza della Bat, a capo di una coalizione di dieci liste civiche, di centrosinistra e centro destra buona ma insufficiente l’affermazione del M5S, che con il candidato sindaco Gianluca Serra ottiene il 21% circa dei voti. A Brindisi, invece, si andrà al ballottaggio tra centrodestra e centrosinistra.

Attimi di forte tensione e qualche contatto fisico che hanno reso necessario l’ intervento dei Carabinieri per riportare ordine  presso la sezione elettorale n. 29 del Comune di Altamura tra il presidente del seggio elettorale ed alcuni cittadini, quando secondo la denuncia del deputato della Lega, Rossano Sasso – il presidente del seggio è uscito per strada, per poi rientrare al seggio dove avrebbe imbucato una scheda elettorale non sua nell’urna.

“Quanto accaduto presso la sezione 29 di Altamura, grazie ad un video girato da un rappresentante della coalizione che sostiene Laterza Sindaco è incredibile, in questo momento – ha dichiarato l’on. Sasso sono sul posto insieme ai dirigenti locali della Lega per appurare i fatti, che se dovessero essere confermati rappresenterebbero una ferita alla democrazia. Questo episodio è molto grave – ha aggiunto  il deputato della Legaed ha generato allarme sociale, non è possibile poi che il presunto autore di questa grave condotta sia ancora sul posto a fare il presidente di seggio. Ho immediatamente chiesto alla Prefettura di rimuovere il suddetto presidenteLa Lega e l’intera coalizione che sostiene Antonello Laterza Sindaco – conclude – vigilerà sul corretto svolgimento delle operazioni di voto e sarà sempre garanzia di legalità e trasparenza“.

Vittorio Sgarbi è stato eletto sindaco di Sutri (Viterbo). Il deputato, con la sua lista ‘Rinascimento Sgarbi’, ha raccolto il 58,79% dei voti, sconfiggendo l’avversario Luigi Di Mauro, candidato con la Lista civica Sutri (41,20%).

Centrodestra in vantaggio nello scontro a due 

L’ex ministro di Forza Italia  Claudio Scajola, che si è presentato con una coalizione di liste civiche di centrodestra, è attualmente primo nelle preferenze degli elettori di Imperia e sfiderà al ballottaggio Luca Lanteri, sostenuto da Lega e Fratelli d’Italia. Centrodestra in netto vantaggio anche a Teramo dove il candidato Giandonato Morra può vantare oltre il 36% delle preferenze, con un distacco di 15 punti su Gianguido D’Alberto, candidato del PdMarco Scaramellini, candidato di centrodestra alla poltrona di primo cittadino a Sondrio, ha preso più del 40%  e si batterà a fine mese con Nicola Giugni del centrosinistra. A Brindisi stessa dinamica: il candidato di centrodestra Roberto Cavalera, con più del 33% delle preferenze, si scontrerà con Riccardo Rossi candidato del Pd per la poltrona di primo cittadino .

Il Centrosinistra perde un’altra roccaforte

Terni il centrosinistra ha perso il comune sinora considerato una propria roccaforte. In base ai risultati l’avvocato Leonardo Latini, il candidato sindaco del centrodestra, è  attualmente in netto vantaggio, con oltre il doppio dei consensi sullo sfidante Paolo Angeletti, ex dirigente del Pci sostenuto dai Dem e da una lista civica. La Lega emerge inoltre come primo partito della coalizione. Possibile ballottaggio con Thomas De Luca candidato del M5s, , in una città in cui la crisi economica ha pesato più che altrove, con le acciaierie in costante affanno, e dove la giunta di Leopoldo Di Girolamo (Pd) è crollata con un anno di anticipo.

Il centrosinistra è in vantaggio sugli avversari nelle città toscane, ma il secondo turno non è privo di rischi perché tutti i candidati sono intorno al 30%: a Siena il ballottaggio del 24 giugno vedrà scontrarsi il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) e Luigi De Mossi del centrodestra. Per la poltrona di MassaAlessandro Volpi sfiderà Sergio Menchini di M5s, mentre a Pisa è testa a testa tra Andrea Serfogli (Pd) e Michele Conti (centrodestra).

Il Pd non arriverà al ballottaggio a Viterbodopo aver governato per cinque anni in una coalizione di centrosinistra. Si profila, infatti, una netta vittoria del candidato del centrodestra Giovanni Arena che se la vedrà al secondo turno con Chiara Frontini, della lista civica Viterbo2020, di poco sotto al 17%.

Ad Ivrea nella città “adottiva” di Davide Casaleggio, in cui è cresciuto politicamente e non solo, la prima notizia che balza agli occhi è il “flop” del Movimento 5 Stelle. La vittoria si gioca tra centrosinistra e centrodestra: è del 36% il risultato raggiunto dalla coalizione di centro sinistra che sostiene come candidato sindaco, Maurizio Perinetti contro il 31% della coalizione di centro destra, che appoggia Stefano Sertoli.

 

 

 

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !