Operazione Exodus. Estradato in Italia il latitante Marzio Maria Mecozzi

Operazione Exodus. Estradato in Italia il latitante Marzio Maria Mecozzi

Espletate ieri sera nell’Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea di Fiumicino, le formalità dell’arresto sul territorio nazionale, Micozzi è stato posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione romana.

ROMA – Nella tarda serata di ieri Marzio Maria Mecozzi è rientrato in Italia, scortato da personale dello SCIP – Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale. Il 43enne romano, arrestato nell’ambito dell’operazione “Exodus”, sviluppata dal Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria della Guardia di Finanza di Roma, è stato rintracciato, nel dicembre scorso, a Marbella (Spagna), dove trascorreva la latitanza sfuggendo all’imputazione di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di vari reati in materia tributaria.

L’organizzazione criminale di cui Mecozzi faceva parte, era dedito a maxi frodi fiscali, riciclaggio, fatturazioni false e/o illecite per oltre 180 milioni di euro ed è stato smantellato dalle Fiamme Gialle del GICO (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) nel novembre scorso. Le società interessate dai reati sono 5, con sedi in Italia, all’estero e in paradisi fiscali. Le attività d’indagine oltre confine sono state supportate dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Criminalpol ed hanno permesso agli omologhi spagnoli di individuare la corretta ubicazione del Mecozzi e di dare seguito all’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma.

Espletate ieri sera nell’Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea di Fiumicino, le formalità dell’arresto sul territorio nazionale, Micozzi è stato posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione romana.

 

 

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !