Operazione “Deep Connection”. Eseguite dalla Polizia di Stato 7 custodie cautelari in carcere in Italia

Operazione “Deep Connection”. Eseguite dalla Polizia di Stato 7 custodie cautelari in carcere in Italia

La Polizia Postale e delle Comunicazioni ha eseguito 7 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei componenti di una importante comunità pedofila internazionale che operava attraverso le Reti Darknet, l’Internet sommerso utilizzato dalle comunità virtuali.

schermata-2016-10-25-alle-09-27-11

Le indagini, condotte per oltre tre anni dal C.N.C.P.O. del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, sono state dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma e supportate dallo European Cybercrime Center di Europol (EC3).

I magistrati, per la prima volta in Italia, hanno contestato agli arrestati il reato di associazione per delinquere transnazionale finalizzata alla commissione di reati di pedofilia e pedopornografia. Particolarmente attiva la cooperazione nelle indagini con l’FBI statunitense e la Polizia australiana del Queensland che nel 2014 avevano arrestato il noto pedofilo australiano Shannon McCoole ed i suoi vice capi di nazionalità olandese e danese, ai quali il gruppo italiano faceva direttamente capo.

CdG poliazia postaleNumerose sono state le tracce fornite dagli investigatori italiani ad Europol per l’identificazione di alcune decine di minori vittime di abuso sessuale e di adescamento. I dettagli dell’operazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa in corso questa mattina presso la Sala Stampa dell’Ufficio Relazioni Esterne della Polizia di Stato alla presenza del Procuratore Aggiunto Dr. Michele Prestipino, del Direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni Dr. Roberto Di Legami, e degli investigatori della Polizia Postale.

(notizia in fase di aggiornamento)

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !