Nuovi guai giudiziari in arrivo per il consigliere comunale uscente di Massafra Nicola Zanframundo (UdC) ?

Nuovi guai giudiziari in arrivo per il consigliere comunale uscente di Massafra Nicola Zanframundo (UdC) ?

Fra le persone per le quali  il sostituto procuratore della Repubblica dottoressa Filomena Di Tursi chiese   nell’autunno del 2014 il procedimento  con richiesta di  rinvio a giudizio , cioè il processo per lo scandalo della casa a luci rosse di Martina Franca, compare anche il consigliere comunale uscente (UdC) di Massafra Nicola Zanframundo, 43 anni , a carico del quale negli ultimi mesi vi sarebbero in corso delle ulteriori indagini in corso da parte del distaccamento della Compagnia Carabinieri di Taranto presso il comando della Marina Militare , su delega della Procura.

Schermata 2016-05-19 alle 01.57.10

Zanframundo è infatti un maresciallo della Marina Militare, e da accertamenti in corso sarebbero emerse delle irregolarità collegate al suo incarico politico ed il suo lavoro presso la Marina, per il quale i militari dell’ Arma hanno richiesto agli uffici del Comune di Massafra tutti i documenti inerenti agli impegni istituzionali (consiglio comunale, sedute di commissione ecc.) , che secondo voci ricorrenti molto spesso contrasterebbero con quanto risultante alla Marina Militare.

Secondo voci interne, infatti, vi sarebbero persino delle registrazioni effettuate in cui il Zanframundo avrebbe fornito delle spiegazioni poco chiare, ma sopratutto molto poco legali ad un suo superiore che avrebbe richiesto ed attivato l’intervento dell’ Arma.

 

Schermata 2016-05-19 alle 01.54.05

nella foto Maurizio Baccaro

In vista delle imminenti elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale,  il partito di Zanframundo , cioè l’UDC-Unione di Centro ha aderito alla lista civica Strada Maggiore che vede delle alleanze a dir poco incredibili accanto ad  Ambiente e Sinistra Massafra(gruppo Sel-Vendola-Dario Stefano) ed Area Popolare per Massafra” .

In occasione della presentazione di questo insolito raggruppamento politico , Maurizio Baccaro, il coordinatore di ‘Ambiente e Sinistra Massafra’ dichiarò  “Serve una svolta per la città  In questi 10 anni, l’unica certezza avuta per i massafresi è stato l’aumento delle tasse e dei debiti provenienti dalla gestione dei rifiuti mentre paradossalmente si continuava a dare pareri favorevoli a raddoppiare impianti esistenti o a realizzarne di nuovi, e a importare rifiuti da altri territori. Servono trasparenza e investimenti in progetti che ridistribuiscano risorse e protagonismo verso tutti gli attori economici e sociali della Città di Massafra. Per farlo servono idee chiare, competenze, determinazione e ricambio generazionale”.

Schermata 2016-05-19 alle 01.44.59

Ma forse Baccaro ha la memoria “corta” ed ha dimenticato il rinvio a giudizio di Nichi Vendola per il processo Ambiente Svenduto, e la vicinanza in altri affari del “massafrese” Fabrizio Nardoni all’imprenditore Mario Petrelli che gestiva la discarica “Vergine” di Lizzano, messa sotto sequestro dal Noe il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Lecce guidati dal Tenente colonnello Nicola Candido, sotto il coordinamento dei pubblici ministeri Lanfranco Marazia ed Alessio Coccioli, guadagni ottenuti grazie a questa omissione ammonterebbero a oltre 6milioni di euro. Denaro che danneggiando la salute e la qualità della vita dei cittadini di Lizzano è finito così nelle casse aziendali. che a seguito di un decreto di sequestro per equivalente ha bloccato le risorse finanziarie,  azioni e beni delle società che in questi anni hanno gestito l’impianto per un ammontare complessivo di poco superiore ai 6milioni.

Sentire parlare di “idee chiare, competenze, determinazione e ricambio generazionale”  da chi proviene da certi gruppi e gruppetti è a dir poco esilerante !

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !