Ultimatum M5S: fuori Frongia e Romeo o si andrà al commissariamento della Raggi

Ultimatum M5S: fuori Frongia e Romeo o si andrà al commissariamento della Raggi

Beppe Grillo ha deciso l’ultimatum a Virginia Raggi è pronto, e prevede l’azzeramento del «raggio magico», cioè quel gruppo di fedelissimi di cui era “leader” quel Raffaele Marra, da ieri finito in carcere per corruzione. Ma non solo.  Grillo vuole fuori dallo staff anche Daniele Frongia e Salvatore Romeo. Il primo conseguentemente dovrebbe lasciare il posto di vicesindaco ed  anche il M5S, lo stesso destino previsto per il secondo, capo della segreteria politica della Raggi.  Romeo è il dipendente comunale promosso che ha visto triplicato il suo stipendio dal Come diRoma,  con un giro di nomine su cui  in queste ore sta indagando la Procura della repubblica.  Secondo l’ex capo di gabinetto il magistrato Carla Raineri,  di fatto Salvatore Romeo comandava all’interno del Campidoglio ed era “alleato” di Raffaele  Marra. Ma non è tutto. Grillo vuole fare completamente piazza pulita e quindi anche il fratello di Marra,  Renato  ex vicecomandante dei vigili, che nonostante i dubbi dell’Anac , era stato nominato nei mesi scorsi in dirigente del Turismo  con un aumento di stipendio di 20mila euro, si vedrà costretto ad abbandonare l’incarico ottenuto grazie all’asse del fratello con la sindaca Raggi. .

La scorsa estate Luigi Di Maio aveva dato il proprio indirizzo al Movimento: lasciare alla sindaca  Virginia Raggi onori e oneri senza interferire con le sue decisioni , per evitare di restarne  schiacciati, quindi di lasciarla libera ed autonoma. Persino Beppe Grillo gli dette ascolto ma adesso qualcuno chiede conto di quelle decisioni al vicepresidente della Camera. Ieri il deputato Giuseppe Brescia  scriveva durissimo attaccando  “chi ha giocato al piccolo stratega senza esserne capace” .Sono molti ormai a tutti i livelli nei 5 stelle,  a dire che “Di Maio  ha la responsabilità politica di questa situazione“. Dietro l’angolo una vera e propria resa dei conti.

 Grillo avrebbe prospettato un’altra ipotesi choc alla Raggi su cui si sta trattando: seguire quanto attuato dal sindaco di Milano  Beppe Sala, e quindi  autosospendersi in attesa di capire cosa hanno in mano i magistrati che potrebbero indagarla per abuso di ufficio proprio per le nomine dei suoi fedelissimi.  L’idea di Grillo e per attuare il suo piano, il comico prevede la Raggi “commissariata”, e  di affidare il posto di vicesindaco che  Frongia dovrebbe lasciare,  affidato a Marcello De Vito, attuale presidente dell’assemblea capitolina e sfidante di Raggi alle primarie grilline o all’attuale capogruppo Paolo Ferrara con il quale ieri  pomeriggio il comico genovese leader del Movimento5Stelle si è intrattenuto a lungo all’hotel Forum.

La Raggi inizialmente ha fatto sapere  di “essere disposta a discutere” . Ma se la sindaca non dovesse accettare l’allontanamento della sua corte di uomini di fiducia, alla fine  Grillo, in qualità di proprietario del marchio e di garante del movimento, le toglierà il simbolo e chiederà ai consiglieri comunali eletti nelle liste del M5S di toglierle la fiducia per farla decadere.

Continua quindi  in queste ore  la trattativa per trovare una soluzione alla crisi politica, ma proprio quando una soluzione sembrava alla portata di mano, è arriva una dichiarazione di rottura da parte della sindaca Raggi che in queste ultime ore ai suoi più stretti collaboratori sta dicendo “Io non mi sento più parte del M5S, non mi ci riconosco più” . Quindi se la Raggi decidesse di rompere con Grillo ed il M5S si arriverebbe alla conta dei consiglieri comunali. Secondo fonti interne al movimento quindici consiglieri comunali di loro sono pronti a sfiduciarla accogliendo le indicazioni  di Grillo il quale ha capito che la situazione per il movimento potrebbe diventare catastrofica , ora dopo ora , durante il corso delle inchieste giudiziarie che vanno avanti e quindi non si fida più della Raggi.


Le prossime saranno le ore decisive.
Davide Casaleggio
 ha tentayo di far ragionare Virginia Raggi ma la  Raggi ha perfino detto al gruppo pentastellato del Comune di Roma di essere pronta ad andare avanti anche senza il simbolo del Movimento 5 stelle. Per questo, . Grillo ha già pronto il post per revocarle l’uso del simbolo in cui  la accuserà insieme a Marra e Frongia di essere degli infiltrati della Destra nel movimento.

In serata intorno alle 19,30 iniziano a circolare voci , nello stesso momento in cui due consiglieri comunali del  M5s escono dalla riunione senza proferire sola parole una parola, che darebbero Virginia Raggi disponibile ad accettare l’ultimatum dei vertici M5s nel ridimensionare immediatamente i ruoli dei suoi fedelissimi, Salvatore Romeo, capo della sua segreteria politica della Raggi e, soprattutto quella di Daniele Frongia, in un promo momento candidatosi a fare il capo di gabinetto, salvo poi diventare vicesindaco e assessore allo sport e qualità della vita. La partita si gioca proprio sulla posizione di Frongia, che secondo voci maliziose e ricorrenti all’interno del M5S sarebbe molto legato e non solo politicamente alla Raggi, la quale ha continuato a difenderlo continuamente, ma alla fine si sarebbe convinta ad arrendersi al muro eretto dai vertici pentastellati.

L’accordo che che si starebbe delineando è il ritiro della delega di vice sindaco a Frongia, che rimarrebbe in giunta solo come assessore allo Sport, mentre Salvatore Romeo verrebbe  estromesso definitivamente dallo staff della Raggi, che alle 20 ha lasciato il Campidoglio in auto, anche lei  senza rilasciare alcuna dichiarazione mentre da un ingresso secondario anche alcuni consiglieri insieme allo stesso Frongia  si dileguano in silenzio. Per i Cinquestelle romani è stata una lunghissima giornata. Che non sembra essere l’ultima da affrontare per risolvere la crisi interna, che deve fare nelle prossime ore con le decisioni che adotterà la magistratura che potrebbe indagare la prima cittadina romana.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !