“Industria 4.0? La trasformazione digitale passa anche attraverso un cambio di cultura aziendale. La ricetta di Wind Business”

“Industria 4.0? La trasformazione digitale passa anche attraverso un cambio di cultura aziendale. La ricetta di Wind Business”

La due giorni di incontri ha registrato un grande successo di pubblico con oltre 20.000 persone presenti. Diversi i temi trattati, tra questi uno dei più interessanti è stato “La nuova manifattura digitale – Come vincere la scommessa dell’industria 4.0”.

“Padova Nòva – Open Innovation Days”, questo il titolo della prima edizione dell’evento organizzato da Nòva24, il settimanale del Sole 24 Ore dedicato all’innovazione, e dall’Università di Padova, con Wind Business in qualità di Main Partner. La due giorni di incontri ha registrato un grande successo di pubblico con oltre 20.000 persone presenti. Diversi i temi trattati, tra questi uno dei più interessanti è stato “La nuova manifattura digitale – Come vincere la scommessa dell’industria 4.0”. L’integrazione di servizi, internet delle cose e altre tecnologie digitali come la stampa 3d nella produzione industriale può innescare un rinascimento industriale in grado di risollevare l’economia europea.

Palazzo Bo a Padova

nella foto Palazzo del Bo a Padova

schermata-2016-10-03-alle-18-14-47Grazie al suo tessuto imprenditoriale il Nord-Est italiano è in prima linea su questo fronte ma saprà fare gli investimenti strategici necessari per compiere questo passaggio fondamentale. Il tema è stato discusso con chi è già impegnato con successo in questa nuova scommessa. Per Sherif Rizkalla, Direttore Business Marketing di Wind, intervenuto assieme ad Alberto Ferlin, Area Manager Italia DWS S.r.l., e Galdino Candiotto, Presidente e fondatore di Galdi S.r.l., “nell’ambito dell’evoluzione dell’Industria verso il 4.0, le dinamiche di Digital Transformation, sostenute da cloud, “Internet delle cose” e mobilità, devono tenere conto dell’ecosistema di riferimento, dello shift culturale e del time to value. Esistono già servizi che vengono abilitati direttamente dagli operatori di tlc, che ora svolgono il ruolo di ‘service enablement’, andando oltre la sola connettività. Tali servizi consentono di migliorare i processi, garantendo maggiore velocità, produttività, qualità e competitività, grazie all’utilizzo del cloud”

schermata-2016-10-03-alle-18-18-46“Allo stesso tempo – ha aggiunto Rizkalla l’ Evolving Industry sfrutterà l’interconnessione di diversi dispositivi sparsi sul territorio, che dialogheranno in modo decentralizzato e diretto, il cosiddetto Internet of Things. In questo contesto è garantita l’integrità dei dati che possono viaggiare in rete in modo sempre più veloce, mantenendo qualità e performance. Per mettere in atto questa trasformazione digitale dell’Industria, è necessario anche un cambio di cultura aziendale che permetta di adottare nuove forme di lavoro “agile” in mobilità, come lo Smart Working, in modo da superare il tradizionale sistema lavorativo. Wind Business propone soluzioni innovative, come Work&Life, che consentono la separazione dell’ambito lavorativo e di quello personale sullo stesso device”

Sarà fondamentale – ha concluso il Direttore Business Marketing di Windmuoversi velocemente e in modo agile per garantire all’Italia un vantaggio competitivo e una ulteriore crescita sui mercati internazionali.Wind Business, in qualità di Main Partner dell’iniziativa rivolta a imprenditori, studenti, ricercatori, mondo accademico, istituzioni e cittadini, è stata presente con un proprio spazio all’interno del Palazzo del Bo, presentando le innovative soluzioni di Wind Business per le piccole e medie imprese che chiedono maggiore flessibilità ed efficienza, oltre alla personalizzazione dei servizi.Tra i diversi format originali che hanno caratterizzato questo evento “diffuso” per le strade e i luoghi simbolo della città di Padova, i “Tavoli della Ragione” hanno rappresentato un esperimento di partecipazione di grande successo che ha coinvolto le persone attivamente, invitandole a discutere e deliberare su 31 temi che hanno spaziato dalle soluzioni per il cambiamento climatico alla trasformazione dell’università, dal rapporto tra informazione e democrazia alla digitalizzazione delle imprese. Tra quelli proposti, Sherif Rizkalla ( a sinistra nella foto) ha partecipato al Tavolo dedicato al tema “Internazionalizzazione delle imprese: che cosa serve per favorire le PMI?”.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !