Il giornalismo della maldicenza

Il giornalismo della maldicenza

di Giuseppe D’ Avanzo

L’ Italia ha molti guai e tra i suoi guai c’ è, senza dubbio, il giornalismo. Nelle democrazie mature d’ Occidente, il giornalismo è spesso una parte della soluzione, qui da noi è un problema che rende più arduo venire a capo delle anomalie nazionali. Se questo avviene, un motivo c’ è: l’ informazione è stata degradata a chiacchiera. In un certo posto, a una certa ora del giorno, qualcuno dice qualcosa. Non è accaduto nulla. C’ è uno che ha espresso un’ opinione, ma quella diventa la notizia del giorno.

Sulla finta notizia si raccolgono pareri, si scrivono editoriali, si titolano le prime pagine, si combinano interviste. Meglio se un tipo del centrosinistra si lancia contro Romano Prodi o uno del centrodestra dà sulla voce a Silvio Berlusconi. Ottimo se in questa routine si possa sistemare, con qualche ghirigoro, un pettegolezzo. Si conoscono tra gli addetti molte frasi famose di questo canone giornalistico. Quella che qui conta suona così: «Non parlatemi di inchieste giornalistiche, ché mi viene l’ orticaria». Un’ inchiesta giornalistica è la paziente fatica di portare alla luce i fatti, di mostrarli nella loro forza incoercibile e nella loro durezza.

Il buon giornalismo sa che i fatti non sono mai al sicuro nelle mani del potere e se ne fa custode nell’ interesse dell’ opinione pubblica e anche nell’ interesse della politica perché senza fatti la politica annienta se stessa. è per proteggere se stessa che la democrazia prevede nel suo ordinamento costituzionale alcuni «rifugi della verità» garantiti – le università, le magistrature – e difende dai governi la libertà di stampa senza la quale, in un mondo che cambia, “non sapremmo mai dove siamo”. Il giornalismo della chiacchiera e della maldicenza dimentica il suo dovere di raccontare «dove siamo». Non guarda ai fatti, non li cerca, non vuole trovarli, soprattutto non ne vuole tenere conto. Quando si ritrova improvvidamente qualche fatterello tra i piedi, lo trasforma in opinione. Screditata a opinione, la verità di fatto è fottuta perché diventa irrilevante. Ma è appunto in questo “salto” l’ astuzia del gioco. Accantonata la realtà, quel che resta si può combinare a mano libera. Ogni cosa è uguale al suo contrario. Ognuno è uguale all’ altro.

Non contano più comportamenti, responsabilità, abitudini, attitudini, condotte, decisioni, direzioni, orizzonti. Liberatosi dalla inevitabilità dei fatti, questo giornalismo deforme è ora il padrone della scacchiera. Muove torri e pedoni. Nella notte dove tutto è nero, nel vuoto di realtà creato, il lettore è frastornato. “Chi ha fatto che cosa?“, non trova mai una risposta. Accade in queste ore. C’ è un giornalista, Renato Farina, sorpreso a trafficare con i servizi segreti che lo pagano con migliaia di euro. Il disgraziato non sa come difendersi. L’ ha fatta grossa e lo sa. Ha tradito se stesso, il suo buon nome, l’ amicizia di chi lavora con lui, gli appassionati lettori delle sue cronache. Non sa come uscirne con decoro. Gli suggeriscono di lanciarsi all’ attacco. Chi se ne importa dei codici deontologici, tu hai combattuto per l’ Occidente la IV guerra mondiale. Sei un soldato dell’ Occidente cristiano ed ebreo. Sei un crociato. Sei un patriota. Il disgraziato s’ afferra all’ argomento come un naufrago al legno. Sistemandosi addirittura accanto a Karol Wojtyla, scrive che ha ” cercato di fare di tutto e di più per difendere questo nostro Paese e la sua civiltà cattolica”. E’ la pietosa menzogna di un uomo che prova a proteggersi dal disprezzo. L’ espediente miserabile di chi, religiosissimo, vuole rendere accettabile la sua umana debolezza invocando una fede e un’ autorità che pure gli dovrebbero essere sacre. Un penoso spettacolo su cui si chiuderebbero volentieri gli occhi.

Una brutta cosa che dovrebbe essere relegata in un angolino del discorso pubblico, e presto accantonata. Fino a quando, non sorprendentemente, il direttore del “Corriere della Sera Paolo Mieli entra nel gioco. Prende sul serio quell’ argomento: Farina è un crociato e un patriota. Santifica le ragioni di quel disgraziato addirittura con la legge di Antigone (che Dio lo perdoni). Non giustifica che abbia preso del denaro, ma per tenere a galla l’ esercizio deve precipitare nel suo ragionamento, con un venticello calunnioso, anche chi dai metodi di lavoro, la storia professionale, l’ opacità morale di Renato Farina è lontano un braccio di mare. La manovra deve accecare il lettore, nascondergli una realtà che, se raccontata, renderebbe l’ iniziativa di Mieli un’ arlecchinata. Renato Farina non è stato pagato dal servizio segreto per difendere l’ Occidente cristiano o combattere l’ Islam radicale.

Il Sismi ha chiesto a Farina di mettersi in contatto con un pubblico ministero per carpirgli informazioni (Armando Spataro n.d.r.) e inquinarne il lavoro. Per questo è stato pagato. Il Sismi ha retribuito Farina per vedere pubblicato un dossier falso e screditare Romano Prodi, il candidato dell’ opposizione a Palazzo Chigi. Lo ha pagato per spiare gli esiti dell’ inchiesta sulle intercettazioni abusive e i dossier illegali raccolti dalla “sicurezza” di Telecom. Le attività di Farina non hanno nulla a che fare con l’ Occidente, l’ Islam, la civiltà cattolica. Lo si vede a occhio nudo. Le attività di Farina, rivolte contro le istituzioni del Paese (magistratura, governo), sono del tutto anti-italiane, assai poco patriottiche. Se Paolo Mieli non avesse così in uggia il mestiere di informare i lettori che ancora hanno fiducia nel “Corriere della Sera“, si rimboccherebbe le maniche anche con l’ orticaria per capire perché un’ istituzione dello Stato (il Sismi) paga un giornalista (Farina) per mettere a mal partito altre istituzioni dello Stato (Palazzo Chigi e la Procura di Milano). Chiederebbe ai suoi bravi cronisti di raccontare quali interessi nascondono queste manovre oscure. Si sforzerebbe di spiegare ai suoi lettori come, quando e perché questo è avvenuto, e che cosa significa. Ho lavorato per qualche tempo al “Corriere della Sera” e sono sicuro che un’ eccellente redazione saprà riportare nel lavoro quotidiano i fatti là dove oggi ci sono soltanto chiacchiere e maldicenze.

Non so se Paolo Mieli l’ ha mai saputo, ma so che la sua redazione non ha dimenticato che, senza un’ informazione basata sui fatti, la libertà d’ opinione è soltanto una beffa crudele.

image_pdfimage_print
Please follow and like us:
error

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !