Don Mauro, anima di Comunione e Liberazione, condannato a 4 anni e 7 mesi per pedofilia  

Don Mauro, anima di Comunione e Liberazione, condannato a 4 anni e 7 mesi per pedofilia  

ROMA – La Corte di Cassazione ha confermato la precedente condanna emessa dalla Corte di appello: 4 anni, 7 mesi per il prete don Mauro Inzoli, 68 anni e una brillante carriera all’interno di Comunione e Liberazione per abusi sessuali su minori con l’aggravante dell’abuso di autorità . Il processo è relativo ai fatti avvenuti tra il 2004 e il 2008 ai danni di cinque ragazzini (dai 12 ai 16 anni) che hanno denunciato di avere subito baci, carezze, palpeggiamenti e fino a vere e proprie masturbazioni.

Nella sentenza si legge chedon Inzoli ha approfittato con spregiudicatezza della propria posizione di forza e prestigio per ottenere soddisfazione sessuale, tradendo la fiducia in lui riposta dai giovani nei momenti di confidenza delle proprie problematiche personali ed anche nel corso del sacramento della Confessione, ammantando talora le proprie condotte di significato religioso, così confondendo ulteriormente i giovani”.

 

La storia di don Inzoli non è solo una di quelle vicende di preti di provincia: Don Mauro, uomo di punta di Comunione e Liberazione (nonché responsabile della Gioventù studentesca, che riuniva il lato più giovane di CL) ex responsabile della Compagnia delle Opere di Cremona e Crema e tra i fondatori del Banco Alimentare, è stato ex parroco a Crema.

Il suo amore per il lusso gli era valso il soprannome di “don Mercedes e la sua “vicinanza” politica a Roberto Formigoni ha procurato più di qualche imbarazzo. Infatti   don Inzoli era in prima fila per partecipare al convegno organizzato il 17 gennaio del 2015 dalla Regione Lombardia per difendere “la famiglia tradizionale”. Ed in quell’occasione Don Mauro applaudiva entusiasticamente alle spalle dell’accoppiata Maroni – Formigoni.

Roberto Maroni e don Mauro Inzoli,

Alcuni ragazzi cominciarono a raccontare anni fa  delle peccaminose inclinazioni di don Inzoli molti lo difesero, indignati. Eppure il prete come scrive  il Gup Letizia Platè agiva “approfittando con spregiudicatezza della propria posizione di forza e di prestigio, tradendo la fiducia in lui riposta dai giovani nei momenti di confidenza delle proprie problematiche personali ed anche nel corso del sacramento della Confessione, ammantando talora le proprie condotte di significato religioso così confondendo ulteriormente i giovani” . La sentenza spiega che il prete di Comunione e Liberazione toccava i ragazzini anche durante le confessioni, e per convincerli della bontà delle molestie sessuali citava brani del Vecchio Testamento, la relazione filiale fra Abramo e Isacco. Il prete è stato “dimesso” dallo stato clericale, soltanto lo scorso 20 maggio del 2017 con una nota di Papa Francesco e con la sentenza di ieri si può dire anche ritenersi definitivamente chiuso l’iter processuale.

La strategia difensiva dei suoi avvocati è stata singolare, in quanto secondo loro don Inzoli non avrebbe dovuto essere condannato poiché  già giudicato (colpevole) da un tribunale ecclesiale. Per alcuni, infatti, funziona così: ci si sveste in fretta dal proprio abito giusto in tempo per scaricare qualche responsabilità, ma la Cassazione ha confermato il giudizio d’appello. Tutti zitti a partire da Comunione e Liberazione e Formigoni, e degli amici di un tempo…

Sul versante ecclesiale resta aperto più di un interrogativo. I fatti giudicati in tribunale risalgono ad un periodo tra il 2004 e il 2008. Quando scoppiò lo scandalo e le Autorità Vaticane appurarono l’indiscussa verità delle accuse, Papa Ratzinger dispose la sospensione a divinis di Inzoli. Sia Benedetto XVI che papa Francesco hanno ripetutamente proclamato tolleranza zero nei confronti dei preti pedofili. Tra il 2004 e il 2013 ben 884 preti responsabili di abusi sono stati svestiti dell’abito talare come risulta da un rapporto vaticano al comitato Onu contro la tortura, presentato nel 2014.

Resta da chiedersi quali sotterranee pressioni  hanno fatto sì che sotto il pontificato di Bergoglio la pena radicale sancita da Benedetto XVI sia stata addolcita e trasformata per Inzoli in pena perpetua ad una “vita di preghiera e di umile riservatezza come segni di conversione e di penitenza”, ridandogli però lo status sacerdotaleComunione e Liberazione infatti non è certo la piccola confraternita di una sperduta parrocchia di provincia, venendo ritenuta la “massoneria della Chiesa“.

Inzoli ha risarcito le cinque vittime con la somma di 25.000 euro ciascuna. Il fatto è che risultano altri quindici episodi di violenza sessuale. Episodi tutti prescritti per la giustizia italiana. Tuttavia, una volta venuta alla luce la condotta pedofila del prete ciellino – considerato un personaggio “carismatico” a Cremona – il Vaticano ha svolto una sua indagine secondo le procedure ecclesiastiche (i cui risultati non sono stati trasmessi alle autorità italiane, che pure ne avevano fatto richiesta) e dunque la Santa Sede ha in mano tutti gli elementi per rendere giustizia alle altre vittime

 

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !