Di tutto di più …

Di tutto di più …

Tutto il peggio della settimana raccontata dai media e sui socialnetwork

Maurizio Paniz avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia, è uno dei principali osteggiatori dell’annunciato taglio dei vitalizi da parte del M5s

Quanto prendo di vitalizio dopo tre legislature? Non ne ho idea di preciso. Credo 2mila e rotti euro, poco più o poco meno. Non lo so. Bisognerebbe chiedere alle mie segretarie. Un professionista come me, che ha 40-50 persone a cui badare, non si occupa di queste piccole cose...” (fonte: Otto e mezzo, La7)

Clemente Mastella sindaco di Benevento e parlamentare per 9 legislature, quasi certamente è uno dei 117 ex onorevoli di lungo corso che da un taglio dei vitalizi finirebbe addirittura per guadagnare. È un effetto collaterale del ricalcolo dal retributivo al contributivo 

Prendo sui 6.500 euro al mese, con 40 anni in Parlamento. C’è tutto questo casino sui vitalizi, ma sulle pensioni e sugli stipendi d’oro nessuno mette becco?”. I vitalizi sono un costo sostenibile dalla collettività? “Cambiamogli nome: è la pensione del parlamentare!” (fonte: La Repubblica)

Vittoria Bogo Deledda la malata “grillina”guarita subito dopo l’elezione in Parlamento.

Ma voi pensate veramente che all’Italia interessi sapere quale sia stata la mia malattia? Il protocollo terapeutico a cui sono stata sottoposta? Stiamo parlando di cose molto serie, non alterate la realtà. Parliamo di una patologia connessa all’attività professionale. Chiedete agli specialisti cosa significhi entrare nel tunnel del burnout: c’è voluto un anno per ricostruire il mio ‘io’…” (fonte: dal sito delle Iene)

L’ex senatore di Forza Italia Antonio Razzi si trova in Azerbajgian con delegazioni di osservatori internazionali per monitorare le elezioni. Ma manda un messaggio al nostro Capo di Stato  

“Mattarella dia a me l’incarico esplorativo. In 48 ore ci sarà un Governo!” (fonte: Twitter)

Dopo il secondo giro di consultazioni, la dichiarazione congiunta del centrodestra è stata letta da Matteo Salvini. Parole misurate e concordate nei minimi dettagli per non scontentare nessuno, 5 Stelle in particolare. Ma Silvio Berlusconi il capo di Forza Italia si è preso letteralmente la scena 

Prima ha dimostrato di conoscere quasi a memoria il discorso, conteggiando con le dita i punti programmatici e ripetendo con il labiale le esatte parole del leader leghista. Dopo i saluti, Berlusconi ha ‘letteralmente’ spostato Salvini e Meloni, impugnato i microfoni e sganciato un missile contro Di Maio Mi raccomando, fate i bravi, sappiate distinguere chi è un democratico e chi non conosce neppure l’abc della democrazia: sarebbe ora di dirlo chiaramente a tutti gli italiani” (fonte: Repubblica.it)

La deputata forzista Michaela Biancofiore rivela l’unico nome capace di mettere d’accordo, a suo dire, tutte le forze politiche

C’è un terzo uomo che metterebbe insieme teoricamente Forza Italia, M5S e Lega, un giornalista non eletto, molto gradito a tutti. Se è Paolo Del Debbio? Lo avete detto voi… se piacerebbe anche ai Cinquestelle? Eh si, mamma mia, mamma mia… Ora Paolo mi ammazza… ma è l’unico!”  (fonte: Un Giorno da Pecora, Radio 1)

Il giornalista Mattia Feltri ricorda alcune dichiarazioni di Luigi Di Maio candidato premier 5 Stelle

Il Pd ha un’idea perversa del concetto di democrazia“. “Il Pd è un partito di miserabili che vogliono soltanto la poltrona“. “Il Pd si fa pagare da Mafia Capitale“. “Il Pd profana la democrazia”. “Nel Pd sono ladri di democrazia”. “Il Pd è il simbolo del voto di scambio e del malaffare”. “Nel Pd ci sono gli assassini politici della mia terra, sono criminali politici”. “Il Pd fa politiche che favoriscono i mafiosi”. “Il Pd è da mandare via a calci”. “Il Pd è il partito dei privilegi, della corruzione e delle ruberie. A casa”. “Il Pd è il male dell’Italia”. “Le misure economiche del Pd sono infami”. “L’unica cosa che possiamo fare è invitare i cittadini a liberare l’Italia dal Pd”. “Parlare con il Pd è un suicidio”. “Escludo categoricamente qualsiasi alleanza col Pd”. Di Maio in questi giorni di consultazioni:Il nostro primo interlocutore è il Pd”, “sotterriamo l’ascia di guerra e diamo un governo al Paese” (fonte:  La Stampa)

L’onorevole Vittorio Sgarbi sbotta ..

Non si può corteggiare questa mammola di Di Maio, il 68% degli italiani non vogliono i 5 Stelle. Lui ha introdotto il voto di scambio, hanno rubato 11 milioni di voti a italiani illusi e disperati, promettendo quello che non puoi dare. Arrestate Di Maio! Quel fighettino! Ha perso, è arrivato secondo! Non si tratta con lui! ‘Non voglio Berlusconi… voglio solo la Lega…’, ma cosa pretende? Ma chi cazzo sei? Nanerottolo! Di Maio è più piccolo di Berlusconi, è uno e 68, è lui lo psiconano! Ignorante! Torna all’asilo! O io o nessuno? Ma chi cazzo sei!? Fascista! Salvini premier e Di Maio a fargli da cameriere!” ( fonte: Quinta Colonna – Rete 4)

Davide Casaleggio e la censura ai giornalisti

“Abbiamo l’ordine di non farla entrare”. Così ieri mattina lo staff di “Sum#02-Capire il futuro”, evento organizzato a Ivrea dall’associazione Gianroberto Casaleggio, presieduta dal figlio Davide, ha accolto il giornalista de La Stampa Jacopo Iacoboni. Il rifiuto è stato motivato con “disguidi nella richiesta dell’accredito” e “posti esauriti”, tesi ribadita dall’agenzia Visverbi che gestisce l’evento, ma totalmente smentita dal fatto che prima e dopo ad altri giornalisti (tra cui due de La Stampa) privi di accredito è stato consentito tranquillamente l’accesso senza alcun problema e senza badge (“Sono finiti, entrate lo stesso”). Falso anche ciò che Gianluigi Nuzzi, giornalista e direttore editoriale della Convention, ha detto dal palco, parlando di “regole da rispettare” e “badge tarocco”. Nuzzi aveva replicato alle critiche (“Avete sbagliato”) di Enrico Mentana, direttore del Tg7 e relatore dell’evento. La platea ha contestato Mentana e applaudito Nuzzi mentre proclamava: “Noi i tarocchi non li vogliamo”. (…) Si trattava in realtà di veto personale. A confermarlo testualmente all’Ansa è stata la comunicazione M5s: l’accesso a Iacoboni è stato impedito perché il M5s non ha gradito alcuni suoi articoli. “Si tratta di una questione personale e non professionale”. La direzione de La Stampa ritiene “inaccettabile che a un giornalista, e alla testata che rappresenta, venga impedito di fare il proprio lavoro perché dissente da ciò che ha scritto” (…) -. Davide Casaleggio scriverà poi su Facebook: “In un evento per ricordare il pensiero e gli ideali di mio padre, mi sono chiesto se lui avrebbe voluto che ci fosse una persona tanto meschina. E sulla risposta non ho avuto alcun dubbio” (fonte: La Stampa )

 Botte da orbi tra la deputataSantanchè (Fdi) ed il giornalista Luca Telese 

Telese, commentando una foto della parlamentare in spiaggia: “Ma dai, è una controfigura, di suo c’è solo il cappello, il resto è una modella”. Santanchè: “Ma come, non mi guardi? Sono qui a fianco, dovresti assaporare. A questo punto mi viene qualche dubbio sulle tue...”. Telese: “Ancora non ha rivelato la percentuale di plastica…“. Santanchè: “Ma questo è proprio un cafone! A parte che io sono una sostenitrice della plastica, che è stata una grandissima invenzione. Lui è invidioso perché lo vedete, non è proprio in forma, è un po’ appesantito. Quando non si arriva all’uva si dice che è acerba… mettiti a dieta!”  (fonte: L’Aria che tira, La7)

La deputata di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla presidente del Movimento Animalista commenta la notizia dell’iniziativa “conto corrente Amici Fedeli” di Banca di Piacenza

L’idea di consentire l’apertura di un conto corrente con il nome del cane o del gatto, oltre a quello del proprietario, non è solo un’ottima iniziativa di marketing, ma dà il giusto rilievo, anche sotto il profilo economico, ad un fenomeno di grande portata sociale: quello della convivenza con animali domestici, per i quali chi può spende anche somme importanti. Il mio plauso all’istituto bancario

La showgirl Alba Parietti intervistata dopo l’”elogio salviniano” del giorno precedente

Non è che finisce come Claudio Amendola (“Salvini è il miglior politico degli ultimi vent’anni. Anzi trenta”)? “No, no, anzi spero che Claudio non parlasse sul serio. Sono stata trotskista, non lo voterò mai, né lui né la destra, per rispetto a mio padre partigiano, però ammetto che Salvini è un bravo comunicatore, ha saputo fare breccia nel cuore di tante persone umili e bisognose che si sono sentite ascoltate. Lui non ha fallito, come il Pd, che da Salvini avrebbe tanto da imparare e invece…”. Gli amici come hanno reagito al suo elogio salviniano? “Non so, ero a Ibiza, ora a Courmayeur…” (fonte: Corriere della Sera )

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !