Di Maio bara anche sui soldi della Camera ai terremotati: "Fortemente voluto dal M5S". Ma non è così !

Di Maio bara anche sui soldi della Camera ai terremotati: "Fortemente voluto dal M5S". Ma non è così !

Simone Baldelli, Forza Italia, padre della proposta accusa: “”E’ una proposta votata da tre anni e da tuttiVogliono fare credere che sia una loro idea”. Persino il grillino Crimi, il leghista Borghi e Crosetto (Fratelli d’Italia) sconfessano il vicepremier ormai in confusione totale

Simone Baldelli

ROMA –  La  proposta era stata lanciata nel 2016 dal deputato Simone Baldelli (Forza Italiae votata da tre anni e all’unanimità nella legge di Bilancio, che devolve i soldi risparmiati sul bilancio della Camera ai terremotati del centro Italia, mentre il vicepremier Luigi Di Maio si appropria della norma e la  spaccia come “un emendamento fortemente voluto dal MoVimento 5 Stelle”.  In realtà si tratta di soldi risparmiati sui bilanci di Montecitorio grazie alle decisioni che sono state prese dai precedenti presidenti della Camera  e dunque in questo caso ascrivibili all’impulso di Laura Boldrini.

L’iniziativa “tarocca” del vicepremier  grillino ha scatenato una reazione rabbiosa e e la contestazione di tutti gli altri gruppi parlamentari. A cominciare da Baldelli   ex vicepresidente forzista della Camera, vero “padre” della proposta. “Noi condividiamo una buona proposta con tutti gli altri, mentre loro, i Cinque Stelle, lasciano credere che una proposta di altri sia loro e di nessun altro“,  e racconta come sono andate esattamente i fatti ieri in commissione e spiega:  “Questo emendamento l’ho ideato e presentato io. È una battaglia che faccio da tre anni e su cui c’è sempre stato un totale e completo accordo di tutti, senza mai polemiche“. “Nel 2016 – aggiunge Baldelliera previsto lo stanziamento di 47 milioni, nel 2017 di 80 milioni e nel 2018 vengono devoluti 85 milioni. L’anno scorso, lo feci firmare anche a Di Maio, Giachetti, Sereni”.

Nel frattempo la notizia del post “fake” del vicepremier Di Maio era arrivato in commissione ed il presidente Claudio Borghi (Lega) a seguito delle veementi proteste delle opposizioni era stato costretto a sospendere la seduta. Lo stesso Borghi, cercando di placare gli animi ha ritenuto opportuno precisare che “la decisione è della Camera e l’emendamento è stato voto da tutti“.  “Quella di Di Maio è una “buffonata profondamente scorretta nei confronti dell’opposizione e dei terremotati.  Si è intestato L’emendamento sui terremotati per distogliere l’attenzione da altre situazioni“, commenta il dem Luigi Marattin, seguito dalla capogruppo forzista Mariastella Gelmini che ironizza: “Il vice premier e ministro per la disoccupazione, Luigi Di Maio, in evidente confusione, prova a scippare l’emendamento di Forza Italia, a prima firma Simone Baldelli“.

Il capogruppo dem Graziano Del Rio rincara le accuse : “Il maldestro tentativo del ministro Di Maio oltre ad essere sgradevole segnala anche lo stato di confusione di Di Maio dovuto in tutta evidenza alle questioni che lo stanno riguardando“, seguito e sostenuto anche da Guido Crosetto, di Fratelli d’Italia: “E’ un atto della Camera votato da tutti” ribadisce.

Ma nonostante l’auto-rettifica del sottosegretario grillino Crimi, il chiarimento del leghista Borghi, le contestazioni delle opposizioni non sono evidentemente arrivate all’orecchio e sotto gli occhi del vicepremier Di Maio evidentemente impegnato a cercare delle vie dagli scandali di famiglia .

Chiaramente, da perfetta “fake news” il post dello “scippo” grillino è  ancora in evidenza sul blog a 5 Stelle. Qualcuno si meraviglia ancora ?

image_pdfimage_print
Please follow and like us:

Ti piace il Corriere del Giorno ? Fallo sapere !